Il Cittadella è tornato sulla terra: otto sconfitte, solo l’Avellino ha fatto peggio

Il Cittadella è tornato sulla terra: otto sconfitte, solo l’Avellino ha fatto peggio

Commenta per primo!

Il Cittadella ha già esaurito il bonus sconfitte. Con quello di Cesena sono 8 gli stop in 18 giornate di Serie B. Che siano tanti è evidente. Ma due semplici confronti rendono il dato ancora più allarmante. Il primo: solo l’Avellino, sin qui, ha perso più partite, non avendo raccolto punti in 9 occasioni. I campani sono penultimi, ma il Trapani, ultimo, e il Vicenza, terz’ultimo, hanno chiuso con un ko esattamente lo stesso numero di gare dei granata. Il secondo confronto va fatto con le precedenti stagioni: quante gare avevano perso, alla fine, le tre squadre poi promosse in A? Ebbene, nell’annata 2015/16 le fortunate furono il Cagliari, piegato 9 volte, il Crotone, fermato soltanto in 6 occasioni, e il Pescara, anch’esso battuto in 9 incontri e premiato dai playoff. E l’anno prima? Il Carpi si arrese 6 volte, il Frosinone 11 e il Bologna, passato attraverso i playoff, 8.Comesi vede, se gli uomini di Venturato vogliono sul serio credere nel loro sogno è bene fermino quanto prima l’emorragìa. «Purtroppo è un periodo in cui concediamo troppo, e questo ci preclude il risultato», sottolinea capitan Iori. «Al Manuzzi, nel primo tempo forse avevamo fatto vedere qualcosa di più noi e comunque, sin lì, non avevamo corso seri rischi. Subìto l’1-0 per un errore, abbiamo accusato il colpo e preso il secondo gol dopo unamanciata di minuti, anche se l’azione doveva essere fermata per la botta in testa ricevuta da Scaglia. Era una partita da pareggiare, masi è messa sul binario giusto per il Cesena. Qualcosa concediamo sempre, mentre in attacco ci proviamo,mafacciamo fatica. A questo punto, c’è poco da dire, la soluzione è lavorare. Per fortuna i pareggi diVerona e Benevento e la sconfitta del Frosinone hanno tenuto la classifica compatta, ma è un peccato non averne approfittato». In casa granata l’imperativo è sempre quello: pensare ad una partita per volta. Ma, nelle tre che mancano prima della fine del girone d’andata, con Pisa (sabato al Tombolato), Vicenza (il 24 al Menti) ed Entella (di nuovo al Tombolato, il 30), per restare in zona playoff è necessario quantomeno rimanere in media inglese, conquistando sette punti. Arriveranno? (Da Il Mattino)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy