SALA STAMPA Cittadella-Venezia, Venturato soddisfatto: “Prestazione straordinaria, abbiamo dato un segnale importante soprattutto a noi stessi”

SALA STAMPA Cittadella-Venezia, Venturato soddisfatto: “Prestazione straordinaria, abbiamo dato un segnale importante soprattutto a noi stessi”

di Marco Lorenzin

Ecco le parole dalla Sala Stampa del Tombolato dopo la vittoria del Cittadella per 3-2 nel derby contro il Venezia.

Venturato: “Sapevamo che loro sono una squadra brava a chiudersi e ripartire e lo hanno dimostrato subito nell’occasione del rigore e che potevamo evitare. A parte questo, abbiamo fatto una prestazione straordinara, da grande squadra e questo è un segnale importante per noi. Questa prestazione ci deve dare la voglia di puntare a grandi obbiettivi, rimaniamo umili ma credo che abbiamo dato un segnale importante, soprattutto a noi stessi. All’intervallo ho solo chiesto di essere sereni e giocare. I complimenti fanno bene oggi, e dobbiamo essere molto soddisfatti di quanto fatto. Il campionato è però molto lungo, con squadre veramente forti, ma abbiamo dato un segnale oggi sul fatto che possiamo partecipare ed essere protagonisti. Bisogna però avere la capacità di voler crescere, lavorare tanto: abbiamo due settimane adesso per farlo, per prepararci al meglio e continuare questo percorso di crescita. Quella di oggi è una vittoria di tutti, anche di chi gioca meno ma che si fa trovare sempre pronto. Ora dobbiamo essere bravi a ripartire e a lavorare, come detto, con l’obbiettivo di migliorarsi sempre”.

Zenga (all. Venezia): “Prima di tutto bisogna fare i complimenti al Cittadella, ne parlavo prima con Marchetti, bisogna riconoscere quando una squadra gioca bene e merita di vincere. Con calma analizzeremo la partita e capiremo dove abbiamo sbagliato, ma bisogna dire che la vittoria del Cittadella è meritata. Non siamo calati fisicamente nel secondo tempo, penso sia normale che la squadra mentalmente si abbassi cercando di difendere il vantaggio e abbiamo sbagliato a farlo anche se poi il 3-2 l’abbiamo preso nell’unica occasione in cui eravamo un po’ scoperti. Litteri purtroppo ha avuto un problema in riscaldamento, non so ancora l’entità dell’infortunio. Questa sconfitta non cambia però di una virgola il mio approccio al lavoro anche perché fino a venti minuti dal termine eravamo in vantaggio in un campo difficile come Cittadella. Non ritengo che una sconfitta possa e deva cambiare l’atteggiamento della mia squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy