Pro Vercelli-Cittadella, problemi di abbondanza per Foscarini. Sgrigna torna titolare?

Pro Vercelli-Cittadella, problemi di abbondanza per Foscarini. Sgrigna torna titolare?

Commenta per primo!

Quanta abbondanza. Dopo essere andato avanti per quasi tutto il girone d’andata chiamando i ragazzi della Primavera per rimpolpare la panchina, per la seconda volta consecutiva Claudio Foscarini si troverà probabilmente costretto a lasciare qualche giocatore in tribuna o direttamente a casa. Per la sfida di Vercelli di domani tornerà a disposizione capitan Pellizzer, che rientra dalla squalifica e, volendo, tra i convocabili ci sarà pure il terzo portiere Vaccarecci, ingaggiato la scorsa settimana. Dai 21 giocatori della trasferta di Pescara si sale dunque a 23 potenziali selezionati, anche se per Busellato si deciderà soltanto stamattina il da farsi. È questo l’unico intoppo delle ultime ore: ieri il centrocampista si è presentato al Tombolato ma non si è allenato col gruppo per quello che sembra un accenno di influenza. Oggi, dopo la rifinitura, in programma alle 11, Foscarini deciderà se portarlo o no con sé. Alle 15 è previsto il ritrovo, con viaggio in pullman verso il capoluogo piemontese. Stanco e… Per quanto il tecnico di Riese non anticipi le sue mosse, l’undici iniziale sembra fatto. Il modulo è il consueto 4-4-2, con Pellizzer che tornerà a far coppia con Scaglia al centro della retroguardia e De Leidi destinato a riaccomodarsi in panca. Il centrocampo, considerate le condizioni non perfette di Busellato, dovrebbe essere quello dello scorso turno, con la coppia dai piedi buoni Rigoni-Paolucci in mezzo e con Kupisz e Minesso esterni. L’unico vero ballottaggio riguarda il compagno d’attacco dell’ormai inamovibile Stanco: ultimamente Foscarini ha puntato su Gerardi, ma sul sintetico dello stadio Piola potrebbe aver bisogno di maggior velocità e scegliere così Sgrigna o Claudio Coralli. Pro, esperimenti in attacco. È stata meno pesante di quanto ipotizzato la scure del giudice sportivo per Ettore Marchi, squalificato per due turni “per essersi reso responsabile di un fallo grave di gioco” dopo il match di Varese: pare di capire che nell’ambiente piemontese ci si attendesse una punizione più severa. Di fatto, però, l’allenatore Scazzola dovrà comunque reinventarsi il reparto offensivo: negli ultimi allenamenti ha testato il giovane Beretta a fianco di Luppi e dell’ex granata Di Roberto. Due le possibili novità nello schieramento dei padroni di casa rispetto all’ultima uscita: il terzino destro Germano, difensore che era fuori per una frattura al piede dal 28 dicembre, potrebbe riprendersi il posto e lo stesso potrebbe fare il centrocampista Fabiano, che ha smaltito l’affaticamento muscolare accusato col Modena. Arbitra abbattista. A dirigere il match di domani sarà il signor Eugenio Abbattista di Molfetta. Sfortunato l’unico precedente stagionale col fischietto pugliese: a Bologna i granata furono sconfitti 1-0, ridotti in dieci dopo l’espulsione di Signorini, che stese il vivace Zucolini lanciato a rete

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy