Attacco biancoscudato: Calori batte Sabatini

Attacco biancoscudato: Calori batte Sabatini

Nel confronto con l’anno passato, 8 reti in più all’attivo

Servono più punti per andare in serie A senza passare attraverso i play off promozione, ma ne bastano di meno per garantirsi un altro anno nel campionato cadetto. Questo in sintesi il primo dato che emerge confrontando l’attuale classifica con quanto avveniva dodici mesi fa.

Novara da record. Nel passato torneo la ventesima giornata si è giocata il 5 gennaio, nel primo appuntamento del 2010. Dopo la sosta natalizia comandava il Lecce con 37 punti, cinque in meno dei piemontesi allenati da Tesser, campioni d’inverno con un turno di anticipo in quanto avanti nel finora unico scontro diretto con l’Atalanta, seconda forza del torneo distanziata di tre punti. Un gradino sotto ai salentini l’Ancona, che aveva però una partita in meno come il Sassuolo, terzo a quota 32 insieme a Cesena ed Empoli. Sesto in classifica il Modena con 31 punti, anche un anno fa soglia play off. In coda invece servivano 23 punti per evitare i play out, contro gli attuali 21, considerando per l’Ascoli, penalizzato, quelli effettivamente ottenuti sul campo. Ad alzare la soglia salvezza un anno fa la presenza di due formazioni (Mantova 16 punti, Salernitana 11) attardate in classifica.

Cadute e rimonte. Il campionato è lungo e ne possono capitare ancora di tutti i colori. Guardare l’anno scorso per crederci: l’Ancona e il Modena, tra le protagoniste della prima parte dello scorso torneo, hanno avuto poi un vero e proprio crollo, tanto da ottenere la matematica salvezza solo all’ultima giornata. In senso opposto il copione del Cittadella, che poi ha raggiunto i play off e sfiorato la promozione. Dopo la ventesima giornata i granata erano infatti quint’ultimi a quota 22, un punto in meno rispetto a quest’anno, ma con un match in meno: 5 le vittorie, contro le 7 attuali, 7 i pareggi (5) e 7 le sconfitte (ora 9). Identici numeri per l’attacco, poi divenuto stellare (24 gol), 27 le reti al passivo (quest’anno 24). Il Brescia, poi promosso ai play off, si trovava infine in ottava posizione, a quota 28.

Qui Padova. Pur dovendo recuperare un incontro, nell’attuale torneo l’undici biancoscudato può contare su due punti in più (27 anziché 25), avendo ottenuto 7 vittorie (6 un anno fa), 6 pareggi (7) e 6 ko (7).

Decisamente in attivo il saldo relativo all’attacco, capace di realizzare 8 reti in più (30 anziché 22), mentre la difesa ha fatto un piccolo passo indietro subendo 23 gol contro i 22 della passata stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy