Benedetti: “Pasquato può dire quello che vuole, il gruppo c’era”

Benedetti: “Pasquato può dire quello che vuole, il gruppo c’era”

La versione di Simone Benedetti, il giocatore (minutaggio alla mano) più utilizzato quest’anno: “Pasquato può dire quello che vuole, io la penso in modo differente. Il gruppo c’era. Abbiamo provato a creare un gruppo, e forse abbiamo parlato fin troppe volte invece di passare ai fatti, che sarebbe stato meglio. Ripeto, Pasquato può dire quello che vuole, io la penso diversamente. Dovevamo fare più fatti e parlare di meno. Mutti? Lo devo ringraziare, perché grazie a lui sono tra virgolette rinato. La delegazione che è andata dal presidente? Non dovete chiederlo a me, non so nulla a riguardo. Ovviamente mi dispiace molto per la retrocessione, abbiamo anche cambiato tre allenatori in un anno, a gennaio sono arrivati nuovi giocatori e poi cambiavamo spesso formazione quindi non avevamo una precisa identità. Quest’anno hanno voluto cambiare totalmente la squadra e può aver inciso anche quello. Guardate dove sono Trapani e Latina che hanno cambiato poco… Alla fine il campo dice che loro hanno avuto ragione. Le partite che ci hanno tagliato le gambe? Quelle con Cittadella e Bari, non dovevamo sbagliarle. Rendimento? Non sapevo di essere quello che ha giocato più di tutti in questa stagione. Ringrazio i mister che mi hanno dato fiducia, io ho sempre cercato di dare il massimo sia in partita che in allenamento”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy