TUTTO PADOVA
Daily Network
© 2014
TUTTO PADOVA

Black-out, Eurosport: "Nepotismo all'italiana"

Da EuroSport.com
27.04.2012 11:05 di Redazione Padova Sport  articolo letto 1428 volte

Padova-Torino, è blackout. Chi delibera la sconfitta per 3-0 a tavolino della squadra ? Il cugino di Urbano Cairo, patron del Torino. Un episodio che, come al solito, mette in luce tutti i difetti di una burocrazia fatta di nepotismi e favori dovuti

Il caso è uno di quelli che faranno discutere e che già ai tempi lasciava perplessi. Durante la partita del 3 dicembre scorso, allo stadio Euganeo di Padova era saltata la luce durante la gara col Torino. Risultato? Partita sospesa e da riprendersi a data da destinarsi. Ma la storia è ben diversa: il Torino presentò un primo ricorso, respinto, e poi un secondo. Risultato: vittoria ai granata per 3-0 a tavolino per responsabilità oggettiva della società veneta.
RESPONSABILITA' OGGETTIVA PER UN IMPIANTO IN AFFITTO? - La sentenza, già quella volta, aveva lasciato tutti col dubbio: attualmente l'unica società italiana proprietaria di un impianto è la Juventus col suo nuovo Juventus Stadium, mentre le altre ricevono in concessione dai rispettivi comuni lo stadio in cui giocano. La responsabilità oggettiva di una società può essere riferita alla preparazione del terreno di gioco, alla presenza di steward o a tutta una serie di "allestimenti" strettamente relativi alle partite. L'impianto elettrico di uno stadio e la sua manutenzione possono quindi essere riconducibili a una squadra che frequenta un impianto più o meno una volta ogni due settimane? Non dovrebbe essere il Comune a verificare il funzionamento regolare della struttura ed eventualmente intervenire con le riparazioni?
UN CASO DI NEPOTISMO - Evidentemente no, secondo chi ha deliberato in merito al secondo ricorso. E l'inghippo è proprio qui, perché in teoria il Giudice Gianfranco Valente non avrebbe potuto prendere parte al procedimento per le normative della giustizia sportiva in quanto parte in causa e a rischio di conflitto d'interessi. Perché? Perché è cugino di Urbano Cairo, il proprietario del Torino. E' cugino di primo grado acquisito, in quanto ha sposato la cugina di primo grado del patron granata. La madre della signora Bussetti è figlia della sorella del padre di Urbano. Il codice vieta gradi di parentela fino al quarto, quindi siamo in piena "zona rossa". Perciò non solo in questo caso, ma ogni volta che Valente è stato chiamato a deliberare in situazioni in cui era coinvolto anche il Torino, si sarebbe dovuto astenere e invece non l'ha mai fatto.
RICORSO DEL PADOVA: IL PRIMO DI UNA LISTA? - Il Padova presenta dunque ricorso per vizio di forma (l'articolo 28 del codice di giustizia sportiva, che rimanda addirittura all'articolo 51 del codice di procedura civile, è stato palesemente violato). In realtà la perizia sull'impianto e sull'episodio fu effettuata da un incaricato neutrale, che appurò che l'addetto preposto a gestire il blackout non mise in funzione l'impianto d'illuminazione d'emergenza, ma si ostinò a voler far ripartire l'impianto principale. Per questo il Torino è tranquillo e sicuro: indipendentemente da chi ha deliberato, la perizia inchioderebbe comunque il Padova per responsabilità oggettiva (o in questo caso imperizia...). Inoltre il Toro è convinto che il ricorso del Padova sia inaccettabile perché non sarebbe regolare la ricusazione di un giudice a posteriori, una volta decorsi i termini. Resta il fatto che, come spesso accade, la questione è stata spiacevolmente gestita "all'italiana" ed è uno dei motivi per cui continuiamo a fare delle solenni figuracce all'estero. E partito questo ricorso, è possibile che altre società giudicate "negativamente" da Valente di fronte al coinvolgimento del Torino decidano a loro volta di fare ricorso. Un domino-rally pericoloso, che potrebbe trovare ancora uno sbarramento nella giustizia italiana. Ma il TAS è a Losanna e ha già punito più volte gli inciampi di un'Italietta che non si decide mai a crescere.


Altre notizie - Tutto Padova
Altre notizie
 

VECCHIO PADOVA E DISINFORMAZIONE. NO ASSOLUTAMENTE ALLA DOPPIA SQUADRA: SE VA AVANTI IL PROGETTO DI BERGAMIN, PENOCCHIO LASCI

Riguardo al futuro del Padova, si può essere d'accordo per una o per l'altra soluzione. Ma è inaccettabile leggere chi, avendo il compito di informare, infila una serie di castronerie una dietro l'altra venendo giorno dopo giorno smentito dai fatti. Tutt...

I TIFOSI CI SCRIVONO: DOMANDE E RISPOSTE SUL SETTORE GIOVANILE

Stiamo dando molto spazio in questo frangente alla posta dei lettori sia per il gran numero di messaggi che arrivano in...

BIANCOSCUDATI PADOVA, A BREVE IL NUOVO ALLENATORE. ECCO I CANDIDATI

Dopo l'ufficializzazione di Fabrizio De Poli come direttore sportivo, il prossimo tassello per l'area tecnica del...

L'ANALISI DI BALDIN: I PERCHÈ DI UNA PANCHINA AMARA

DARIO MARCOLIN probabilmente era il tecnico che poteva lavorare in modo più sereno. E' arrivato da subito, gli...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 25 Luglio 2014.
 
Palermo 86
 
Empoli 72
 
Latina 68
 
Cesena 66
 
Modena 64
 
Crotone 63
 
Bari 63*
 
Spezia 62
 
Siena 61*
 
Virtus Lanciano 60
 
Avellino 59
 
Carpi 59
 
Brescia 59
 
Trapani 57
 
Pescara 52
 
Ternana 51
 
Cittadella 47
 
Varese 47
 
Novara 44
 
Padova 41
 
Reggina 26*
 
Juve Stabia 19
Penalizzazioni
 
Bari -4
 
Reggina -3
 
Siena -8

   Padova Sport Norme sulla privacy