DE FRANCESCHI: “DOMENICA IL BIS”

DE FRANCESCHI: “DOMENICA IL BIS”

La vittoria fa sempre bene. Al di là di come sia venuta e al di là che abbia mutato poco la classifica. «Abbiamo fatto solo il nostro dovere», spiega subito Ivone De Franceschi. Il diesse del Padova torna sul 3-1 casalingo con l’Ascoli, pensando già all’Albinoleffe di domenica.

I tre punti hanno strappato almeno un sorriso a Bresseo?

«Siamo contenti perché era fondamentale vincere: l’obiettivo minimo è stato raggiunto, ma la strada è ancora in salita. Il Padova al momento è retrocesso, a livello di classifica è cambiato poco, nessuno deve rilassarsi, anche perché non è stato fatto niente».

Stavolta cos’ha funzionato?

«I ragazzi sono entrati in campo col piglio giusto. All’intervallo eravamo già sul 2-0 e questo ha consentito di poter gestire il risultato e anche rasserenare un po’ l’ambiente».

L’Ascoli però è apparso con la testa già in vacanza…

«Logico che le motivazioni erano diverse. Non hanno più niente da chiedere al campionato, sono scesi in campo scarichi».

Quindi a Bergamo potrebbe ripetersi la stessa situazione?

«Non credo. Gli uomini di Mondonico hanno appena vinto a Empoli, vogliono chiudere bene la stagione. Ci aspetta un match complicato, che il Padova deve solo vincere. Già questo basta a far capire la delicatezza della sfida. Però a Bergamo domenica dobbiamo fare il bis per restare agganciati al carro che conta».

Sei punti nelle restanti due gare potrebbero garantire la salvezza?

«Non lo so. E’ impossibile fare calcoli e non mi aspetto niente dalle altre partite. Intanto bisogna vincere, che non è scontato, poi vedremo come si mettono le cose. Ci sono troppi incastri, fino all’Ancona nessuno può stare tranquillo».

Il ritorno di Italiano ha cambiato un po’ le cose?

«E’ un giocatore di qualità indubbie, ma non possiamo dipendere da un solo elemento. L’atteggiamento generale dev’essere quello visto contro l’Ascoli e basta. Poi si faranno i conti».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy