DI COSTANZO: ABBIAMO AVUTO CORAGGIO

DI COSTANZO: ABBIAMO AVUTO CORAGGIO

articolo di Stefano Volpe

È di parola Nello Di Costanzo. Aveva detto, alla viglia, che avrebbe accettato un pareggio solo se la gara si fosse messa male. Così è stato e al termine del 2 a 2 il tecnico biancoscudato può dar sfogo a: “tutta la gioia per ver agguantato con grande coraggio questo risultato. Nel corso di tutta la settimana ho cercato di trasmettere ai miei l’idea di voler vincere la gara, ma adesso siamo contenti così”. Anche perché è successo proprio di tutto. A cominciare dai due rigori concessi al Citta. Che idea si è fatto?

“Dal campo non ho visto bene il secondo, mentre nel primo Darmian non si è accorto dell’arrivo di Oliveira ma non si è capito se l’abbia toccato o meno. In ogni caso siamo riusciti a far fronte a queste avversità, cogliendo una rimonta straordinaria sopratutto guardando al valore dell’avversario. I granata quando vanno in vantaggio sono bravissimi a chiudere tutti gli spazi e colpire in contropiede, come a Lecce. Ma noi abbiamo gettato in campo un grande coraggio, serrando la difesa e trovando i due gol”.

E dire che si era detto “chi segna per primo vince”.

“Perché in passato eravamo stati pesantemente criticati per come ci sbriciolassimo una volta subito un gol. Oggi abbiamo rimontano non una ma due reti sfoggiando un carattere non comune, alla luce di due rigori che avrebbero tagliato le gambe a chiunque. E invece, se il primo gol ci ha scosso per una ripresa all’arrembaggio, il secondo ci ha permesso di trovare tutte le forze per recuperare”.

Merito anche di alcune scelte tattiche e di uomini sembrate più azzeccate nella ripresa.

“Le scorse partite sono stati bacchettati sia Patrascu che Trevisan e mi si è accusato di farli giocare fuori ruolo. Ho scelto due esterni abili nell’uno contro uno per colpirli sulle ali, bloccando allo stesso tempo i nostri terzini. Rigore a parte, il primo tempo è stato equilibrato anzi leggermente favorevole a noi. Nel complesso se c’era una squadra che doveva vincere, per occasioni da gol e intensità, eravamo noi”.

Trascinati anche da un pubblico speciale.

“Il tifo a Padova è stupendo, anche sul 2 a 0 non ci hanno contestato sostenendoci fino alla fine, ci hanno dato una mano fondamentale”.

Alla luce degli altri risultati, alla fine, può pesare anche questo punto.

“Rispetto alle altre giornate per una volta le nostre dirette concorrenti, a parte la Reggina, non hanno vinto. Per ora, però, meglio guardare in casa nostra pensando alla gara di Salerno da non dare per scontata. Senza i nostri tifosi, bloccati dal Cams, sarà una sfida impegnativa”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy