Il Padova perde Bresseo

Il Padova perde Bresseo

Da Il Gazzettino di oggi:

Aveva lanciato al Padova ”l’ultima chiamata utile” un paio di mesi fa. Ma dopo il perdurante silenzio della società di viale Rocco sul futuro degli impianti di Bresseo, in concessione fino al 2015, per il sindaco di Teolo, Moreno Valdisolo, il dado è tratto. Trasformerà l’attuale Centro Euganeo, in un villaggio polisportivo, attrezzato non solo per il calcio, ma anche per altre discipline sportive. Aprendolo così agli investimenti di imprenditori privati, pronti a valorizzare le strutture, e rendendole disponibili, in primis, allo sport locale. Non bastassero le incertezze societarie che si affollano all’orizzonte del Padova, arriva ora anche la decisione del sindaco a complicare le cose. «Dopo i colloqui avuti con il presidente Cestaro nei mesi scorsi – ha detto Valdisolo – attendevo delle rassicurazioni sulla volontà del Padova di proseguire nella convenzione. Mi era stato detto che sarebbe stato meglio attendere la fine del campionato prima di affrontare il problema. A stagione abbondantemente chiusa non si è fatto vivo nessuno. Non voglio perdere l’opportunità che mi è stata offerta da imprenditori privati. Per quanto mi riguarda, alla scadenza dell’attuale contratto, il Padova potrà tranquillamente salutarci e trasferire il suo quartiere generale in un’altra sede». A convincere Valdisolo della propria decisione, potrebbe essere stata l’annuncio del Padova della scelta del ritiro sull’altopiano di Asiago invece che a Bresseo, come la scorsa stagione. «Mi rendo conto – ha continuato il sindaco – del riassetto societario che condiziona le scelte del Padova. Non chiedevamo impegni a lungo termine, ma una manifestazione di interesse che non è mai stata espressa». Dalle mani del Padova, dunque, il Centro sportivo di Bresseo passerà a quelle dei privati. Starà alla società biancoscudata scegliere se rimanere sui campi del polo Euganeo, pagando un affitto al nuovo gestore. Il sodalizio di via Nereo Rocco non sarà però più ”il padrone” come finora è avvenuto. Il Comune volta pagina. Sempre che sconvolgimenti societari non diano vita a una nuova puntata della convulsa ”telenovela”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy