Kras Repen-Padova, le pagelle: giornata perfetta, nessuna insufficienza. Cunico e Petrilli i migliori

Kras Repen-Padova, le pagelle: giornata perfetta, nessuna insufficienza. Cunico e Petrilli i migliori

Commenta per primo!

Cicioni 6: All’esordio in campionato con la maglia biancoscudata, non viene mai chiamato ad affrontare particolari pericoli, se eccettuiamo unicamente il gol della bandiera del Kras Repen, sul quale comunque non gli si può imputare alcuna colpa. Per il resto, ottima sicurezza nelle uscite.

Busetto 6,5: Solidità difensiva lungo tutto l’arco dei novanta minuti e tanta voglia di spingere sulla destra. La mira dei cross appare perfezionabile, ma è l’unico neo della sua gara, in barba alla carta d’identità.

Niccolini 7: Annulla totalmente, in tandem con Sentinelli, gli avanti carsolini, apparendo in ogni occasione corretto ed efficace. Finalmente una coppia centrale di grande affidabilità per il Biancoscudo, dopo anni un po’ troppo “ballerini” lì dietro…

Sentinelli 7: Vedi Niccolini.

Degrassi 6,5: Gara come al solito ordinata da parte del terzino scuola Juve, che contribuisce a rendere la catena di sinistra come quella più pungente per la seconda partita consecutiva.

Nichele 6,5: Grinta ed intensità ottimali in un primo tempo maschio, senza però tralasciare mai l’attenzione nella gestione della sfera. Peccato per il problema muscolare che lo costringe ad abbandonare il gioco già all’intervallo.

(dal 46′ Mattin) 6,5: Entra bene in partita. Parlato può contare su di lui.

Mazzocco 6,5: “Una vita da mediano, con dei compiti precisi, a coprire certe zone, a giocare generosi, lì nel mezzo” canta Ligabue. Ed è proprio ciò che fa anche oggi il centrocampista di Quero.

Ilari 6,5: Cavalca l’onda della grande giornata biancoscudata riavvicinandosi agli standard ai quali ci aveva abituato in avvio di stagione. Gli ottimi assist che scaturiscono dalle sue insidiose percussioni sulla destra vengono purtroppo sciupati dai suoi compagni.

Cunico 7,5: Una punizione chirurgica all’incrocio dei pali, un assist, lo zampino nell’azione del primo gol ed uno sfortunato palo in avvio di ripresa. Insomma, il capitano biancoscudato è ancora il più decisivo. E pensare che in settimana non si è allenato con regolarità a causa dell’influenza! Leader vero.

Petrilli 7,5: Fa ammattire i difensori avversari con la sua rapidità e la sua frizzantezza trovando con merito il suo primo gol in biancoscudato. Costretto a lasciare il campo al 55′ probabilmente a causa di una contrattura, c’è da augurarsi che il suo stop non duri a lungo. Oggi, infatti, ha veramente fatto la differenza. E chissà cos’altro avrebbe combinato se fosse rimasto in campo fino al termine.

(dal 55′ Aperi) 6,5: Si fa trovare più che pronto al momento della sua entrata in campo siglando il pesante gol del 2-0 facendosi trovare al posto giusto al momento giusto. Se lo merita.

Pittarello 6: Luci ed ombre nella gara dell’ex attaccante del San Paolo: da una parte propizia il gol dell’1 a 0 con un intelligente servizio in direzione di Cunico e dà profondità alla squadra, dall’altra perde numerosi palloni e sciupa una ghiotta occasione da gol nei primi minuti del secondo tempo, imbeccato con precisione da Ilari. La sufficienza è però salva. 

(dall’87’ Denè) s.v.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy