LE PAGELLE: Piccinni è super, Farias imprendibile

LE PAGELLE: Piccinni è super, Farias imprendibile

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

Commenta per primo!

Silvestri 6,5: Praticamente inoperoso, l’avversario non tira mai in porta. Svolge il normale lavoro del portiere e segue la sua squadra da dietro sperando che segni

Rispoli 6,5: cerca di far valere la sua prestanza atletica e vince i duelli personali. Spinge a singhiozzo da quella parte, ma potrebbe osare qualcosa di più

Legati 6,5: in marcatura centrale, senza particolari leziosità, sbroglia le varie situazioni che si sviluppano dalle sue parti

Trevisan 7: il capitano è sempre là in mezzo alla difesa a comandare il reparto che oggi, onestamente non ha concesso nulla ai pur quotati attaccanti del Livorno

Piccinni 7,5: promosso titolare da Colomba, sta ripagando la fiducia presidiando a dovere la sua zona. Sicuro come ultimo uomo quando i suoi compagni di reparto salgono tutti sui ‘piazzati’

Ze Eduardo 6,5: in continuo movimento a centrocampo a recuperare e a ripartire, senza mai rinunciare ad affacciarsi all’area avversaria, fosse più incisivo nella fase offensiva si ritaglierebbe un posto importante

Iori 6,5: buon palleggio e possesso palla. Forse il regista di centrocampo che mancava al Padova… è sicuramente buono per il nuovo modulo con centrocampo a tre

Renzetti 6,5: voto di reparto per il nostro “ex-terzino” che Colomba vuole a metà campo. Lui macina chilometri e mette palloni in mezzo. Se saprà rifinire meglio potrebbe veramente diventare determinante in quel ruolo

Farias 7: le voci di mercato non l’hanno distratto a quanto pare. Gioca con continuità e prova i suoi numeri. Sfortunato in un paio di occasioni, su una il portiere non sa ancora come ha fatto a pararla

(Raimondi dal 79′) 6: pochi minuti per lui, il tempo di provare una punizione senza esito

Jelenic 6: gioca centrale nei tre davanti ma fatica a trovare giocate determinanti, si sacrifica spesso più dei suoi compagni di reparto nel ripiegare in chiusura e con buon successo. Corre e si sfianca molto e, anche se a qualcuno del pubblico non piace, merita la sufficienza

(De Vitis dal 73′) 6: il suo ingresso sposta l’assetto della squadra, perché lui è più centrocampista e si posiziona in trequarti…tenta di trovare la giocata ma il suo tiro in porta è ribattuto col corpo da un difensore

Cutolo 6,5: il solito ‘trottolino’ che lavora molti palloni, ma pecca di concretezza, deve ritornare a trovare entro breve il guizzo vincente che lo contraddistingue dagli altri attaccanti

(Babacar dal 73′) 6: in pochi minuti un tiro e un colpo di testa, non si poteva pretendere che ‘spaccasse’ la partita

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy