Lo strano destino di Gigi Cagni

Lo strano destino di Gigi Cagni

Commenta per primo!

Che strano il destino. Sabato il derby dell’Euganeo metterà a confronto Alex Dal Canto e Gigi Cagni. Il tecnico del Vicenza sei mesi fa era stato a un passo dal Padova, nel senso che sarebbe arrivato all’ombra del Santo anche a termine, cioè solo per tre mesi. Poi quella vittoria all’Adriatico col Pescara cambio il destino suo e di Dal Canto, non più traghettarore di una gara, bensì condottiero di un sogno chiamato serie A. Cagni, vecchio marpione della cadetteria sembra aver inquadrato i biancorossi vicentini: quattro punti tra Grosseto (all’esordio) e Verona al Menti, dove Abbruscato e compagni hanno centrato il primo successo della stagione.

Tanta roba, se confrontata col Vicenza targato Baldini. E ieri, al termine del primo allenamento settimanale, Gigi Cagni ha ammesso. «Indubbiamente i risultati aiutano a lavorare meglio. E i quattro punti conquistati tra la trasferta in Maremma e con l’Hellas ci permettono di affrontare il derby a Padova con la testa più libera».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy