Marco Silvestri: “Sabato col Livorno dovrò mordere l’osso”

Marco Silvestri: “Sabato col Livorno dovrò mordere l’osso”

Commenta per primo!

Un po’ ci spera. Marco Silvestri vorrebbe restare ancora a lungo a Padova e il possibile riscatto della comproprietà da parte della società biancoscudata sarebbe per il 21enne di Castelnovo né Monti la soluzione dei sogni: “Qualcosa di buono devo aver fatto se il Padova mi vuole”, afferma Silvestri, “A Padova sto benissimo e sarei onorato se la società acquisisse la mia metà”. Si è pure parlato di un possibile interesse del Chievo: “Non avevo dubbi sulla mia permanenza. Col Chievo c’è magari stato qualcosa dietro le quinte. Di trattative vere però non ce ne sono state, anche perché la mia volontà è sempre stata di restare al Padova”. Il portierino reggiano è cresciuto a vista d’occhio: “Ho lavorato benissimo con De Toffol. Mi insegna tanto il senso della posizione, perché dice che lavorando su questo aspetto si fa metà della fatica”. Il “dodicesimo” del Padova parla anche del compagno di reparto Anania: “L’ho visto tranquillo. Non so bene cosa succederà. Sabato sarà per me una grande chance. Era dalla partita col Verona che non mi capitava l’opportunità di giocare. Devo mordere l’osso e non devo più mollarlo”. La sosta ormai è terminata ed è quasi tempo di campionato: “Non vedo l’ora di ricominciare. La sosta è stata davvero lunga. Ora abbiamo il Livorno. Non firmo per il pareggio, perché sia io che il mister e la squadra vogliamo i tre punti. Temo Siligardi, una persona che conosco avendo giocato assieme a lui anche una partita di beneficenza. Lo stimo molto. Ma anche Paulinho è molto forte”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy