Neto Pereira: “Un onore vestire la fascia di una società  così importante. Contento per i gol, ma conta più la vittoria”

Neto Pereira: “Un onore vestire la fascia di una società  così importante. Contento per i gol, ma conta più la vittoria”

Commenta per primo!

Già dalla prima conferenza stampa del nuovo allenatore del Padova Giuseppe Pillon si era capito che un giocatore come Neto Pereira sarebbe stato messo al centro del progetto. Nella gara di sabato con l’Albinoleffe il brasiliano ha vestito anche la fascia di capitano causa l’esclusione dall’undici titolare di Cunico: “Sono stato sempre il vice, e non giocando Cunico è toccato a me. Oltre a essere una responsabilità, è anche un onore e motivo d’orgoglio essere il capitano di una società importante come il Padova”. L’attaccante carioca non si è fatto attendere e ha segnato il gol che ha sbloccato la gara, arrivato da un errore della difesa avversaria generato dal pressing dei due attaccanti biancoscudati: “Sono andato a contrastare il portiere sul rinvio toccando la palla che è arrivata ad Altinier, che poi me l’ha data per segnare. Un gol arrivato grazie al pressing mio e di Cristian lì davanti, è un aspetto molto importante. Siamo consapevoli che c’è ancora tanta strada da fare per risalire in classifica, ma questa vittoria ci aiuta a lavorare con un po’ più di serenità”. Una vittoria importante che ha bagnato al meglio il debutto in panchina di Mister Pillon, a cui ora la squadra, come indica Neto, deve dare continuità: “Il mister ha grande esperienza e sa trasmettere tranquillità, ed è proprio quello di cui avevamo bisogno in questo momento. Naturalmente è appena arrivato e in un giorno e mezzo non poteva stravolgere la situazione, quindi ha lavorato soprattutto sull’aspetto mentale. Ora lo conosceremo meglio e prepareremo nel migliore dei modi la prossima trasferta che sarà difficile. Non conta chi segna, l’importante è la vittoria”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy