Alcune considerazioni sul video di Cappelletti e Capello che sorridono

Alcune considerazioni sul video di Cappelletti e Capello che sorridono

di Stefano Viafora

Stadio Euganeo, martedi ore 23.40. I giocatori del Padova rientrano mestamente negli spogliatoi dopo l’aspro confronto con 300 tifosi nel parcheggio della tribuna ovest. Dietro i lampeggianti blu delle forze dell’ordine squarciano il buio. C’è un istante in cui Cappelletti accenna un sorriso con il compagno di squadra Capello. Pochi secondi di video, da noi pubblicati per documentare quanto successo, evitando il faccia a faccia vero e proprio: non ci è sembrato opportuno filmare una sequela di insulti ai giocatori che ascoltavano a testa bassa. Ma quei pochi frame in cui Cappelletti e Capello sembrano non condividere lo stato d’animo generale scatenano il putiferio. Perché la liturgia del tifo pretende che, quantomeno, il dolore sportivo per un’imminente retrocessione della propria squadra sia condiviso da tutti, giocatori compresi. Anzi, soprattutto loro.
Ora, Cappelletti e Capello sono delle persone, quindi è possibile che dopo un momento duro, complicato, abbiano rotto la tensione con una battuta su chissà cosa. Potevano aspettare di essere per conto loro certo, ma questo non è successo e l’unica cosa logica, a nostro parere, che si possa fare a questo punto, con il campionato che deve finire e un obiettivo quasi impossibile da raggiungere ma non ancora matematicamente svanito, è che chiedano pubblicamente scusa promettendo, giurando di impegnarsi fino all’ultima goccia di sudore. Metterli fuori rosa ci priverebbe comunque di due giocatori. Poi alla fine della stagione manca poco e probabilmente nessuno dei due giocherà ancora nel Padova. Ma adesso è bene rimanere ancora tutti uniti, cercando di combattere per mantenere la categoria e comunque onorarla fino in fondo.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. federicozanetti.p_856 - 2 settimane fa

    Ho appena letto le dichiarazioni di Zamuner su tuttomercatoweb. Se il comportamento dei due giocatori era una battuta fra di loro per sdrammatizzare il momento di tensione ci può stare (non ho visto ste gran risate ma un sorriso accennato fra i due nel video) se era una mancanza di rispetto non dai una multa ma li metti fuori rosa. L impressione è che nessuno si prenda la responsabilità dei propri errori nella dirigenza. Questi giocatori chi li ha scelti? Zamuner o chi? Il rispetto per la città passa anche per le dichiarazioni rilasciate… Non per le prese di posizione populista per pararsi il culo. Non è uno statale (leggi bastano 4 vittorie in 8 partite)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy