Brevi: “Sono sempre convinto che siamo tra le squadre più forti del girone”

Brevi: “Sono sempre convinto che siamo tra le squadre più forti del girone”

Commenta per primo!

Le parole di mister Brevi prima dell’allenamento pomeridiano della squadra alla Guizza: “Sinceramente non mi aspettavo di essere squalificato, non ho detto o fatto nulla di esagerato e neanche niente di ciò che era scritto, l’arbitro avrà sentito qualcuno gridare e ha preso me come colpevole. Non cambierà comunque molto, andrà in panchina Andrea (Bergamo, ndr) e noi lavoreremo durante la settimana senza problemi, la gara si prepara qui e lo faremo bene in ogni caso, meglio stia fuori uno dello staff che un giocatore. La gara di sabato l’ho rivista, non siamo stati bravi a muovere velocemente il pallone avevamo poca intensità come loro che si sono difesi molto bene e poi se queste gare non riesci a sbloccarle poi si complicano. Alla ripresa degli allenamenti ieri abbiamo discusso della gara con i ragazzi, gli errori e le situazioni da migliorare ci sono sempre, anche quando si vince e di questo ne parliamo sempre e quotidianamente con i giocatori come è normale che sia perché poi in campo ci vanno loro. Cosa mi dispiace di più? In questo momento credo abbiamo qualche punto in meno di quelli che meritavamo, il fatto di non avere tutta la rosa a disposizione non deve essere una scusante ma è inevitabile che non ci ha permesso, anche in virtù della vicinanza di impegni di avere tutti gli effettivi a un buon livello di condizione come dovrebbe essere visto tutto il lavoro fatto da inizio di luglio. Filipe e De Risio tornano a disposizione, non sappiamo ancora quanto possano essere in condizione dopo essere stati fuori per diverse gaee, soprattutto Filipe che non c’è praticamente mai stato, ma sono due giocatori importanti e il fatto di avere alternative lì in mezzo per noi è importante. La proprietà? Ho parlato con Zamuner, c’è fiducia attorno alla squadra e anche la proprietà con cui chiacchieriamo spesso ci è vicina. Teramo? Dovremo essere bravi a imporci, il giocare sul sintentico è un qualcosa di diverso ma non cambia molto per noi, loro forse saranno più abituati ma non è un fattore. Il campionato è ancora lungo e avvincente, siamo diverse squadre che possono lottare per il vertice e sono convinto che noi siamo tra queste”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy