Ciardullo (dg Rende): “Padova palcoscenico che ci lusinga, proveremo a fare il colpaccio”

Ciardullo (dg Rende): “Padova palcoscenico che ci lusinga, proveremo a fare il colpaccio”

Commenta per primo!

Flash del direttore generale del Rende Giovanni Ciardullo ai nostri microfoni sulla partita di Coppa Italia tra Padova e Rende (domenica 30 luglio, stadio Euganeo). “Siamo in attesa dell’ufficialità del ripescaggio in serie C – spiega il dirigente del club calabrese – e questo esordio in Coppa a Padova ci proietta già nel mondo del professionismo. Giocare in un palcoscenico come quello dell’Euganeo ci lusinga molto, per noi è un’esperienza tutta nuova. La trasferta? Verremo in pullman, visto che non è stato possibile trovare un aereo per trenta persone in così poco tempo. Partiremo sabato mattina in direzione Padova. Coppa Italia maggiore? Per noi non è un esordio assoluto, abbiamo giocato due anni fa contro la Spal, perdemmo di misura 1-0 facendo una bella figura”. Sulla squadra: “E’ ancora un cantiere aperto, abbiamo fatto due acquisti importanti come il portiere Forte dalla Maceratese e l’attaccante Ricciardo dalla Sicula Leonzio, ma arriveranno altri rinforzi in vista della serie C, dove il nostro primo obiettivo sarò la salvezza. L’obiettivo della nostra società è quello di consolidare un percorso di crescita che comprende anche il settore giovanile. Vogliamo far venire un po’ di invidia ai cugini del Cosenza!”. Sul Padova: “Conosco poco la squadra, a parte l’allenatore Bisoli che ha un curriculum importante. Proveremo a fare il colpaccio”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy