De Risio: “Sto meglio ma ho ancora fastidio. Difficile il mio recupero per sabato”

De Risio: “Sto meglio ma ho ancora fastidio. Difficile il mio recupero per sabato”

«La caviglia sinistra va meglio, ma mi dà ancora fastidio. Non so se sabato sono disponibile». Non si chiama ancora del tutto fuori, ma è molto difficile che Carlo De Risio possa essere della partita con la Sambenedettese. La speranza è poterlo recuperare almeno per la panchina. «Se riesco a essere a disposizione per questa trasferta sono contento, ma se non fosse così vedo di recuperare per la partita successiva. Sono passati dieci giorni dall’infortunio, è stata una brutta distorsione e ci sto lavorando. Mi dispiace perché dopo un mese di ritiro farsi male in un’amichevole (con la Vigontina San Paolo all’Euganeo, ndr) ci rimani male, però sappiamo che anche questi sono i rischi del mestiere».
Ieri il centrocampista ha lavorato a parte cimentandosi, tra l’altro, in una serie di balzi, ma quasi certamente salterà l’amichevole di oggi con il Mellaredo in programma alle 16.30 allo stadio Appiani. E per lui, quindi, si riveleranno decisive le sedute di giovedì pomeriggio e venerdì mattina, con la squadra che poi partirà al pomeriggio per raggiungere il ritiro pre partita.
Pur non dovendo essere tra i protagonisti in campo, ecco come De Risio vede la squadra in vista del prima appuntamento: «Più passa il tempo e più stiamo migliorando. Sono arrivati tanti nuovi e ci vuole un po’ per conoscersi al meglio, ma ciò non toglie che vogliamo partire subito forte senza lasciare punti per strada. Sappiamo di andare in un campo non facile e che ci saranno molti tifosi di casa, però sono convinto che inizieremo con il piede giusto».
Non manca un elogio al nuovo gruppo biancoscudato: «C’erano bravi ragazzi e professionisti seri anche la stagione scorsa, e la sensazione è che sia lo stesso quest’anno. Speriamo di fare bene».
Proprio De Risio è uno dei pochi superstiti della rosa di un anno fa. Oltretutto proprio il centrocampo, se si esclude anche Mazzocco, è un reparto nuovo di zecca con gli arrivi di Filipe, Dettori e Mandorlini. Un reparto bene assortito? «Direi di sì, poi ciascuno di noi lotterà per il posto da titolare e questo è un aspetto positivo perché crea nuovi stimoli e ci spinge tutti a dare il meglio». (da Il Gazzettino)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy