Bindi: “La stagione più importante della mia carriera”. Russo: “Non ho esitato un attimo alla chiamata del Padova”

Bindi: “La stagione più importante della mia carriera”. Russo: “Non ho esitato un attimo alla chiamata del Padova”

Commenta per primo!

In diretta dalla sala stampa dell’Euganeo la presentazione degli ultimi due nuovi arrivi in casa Padova: il portiere Giacomo Bindi e il difensore Michele Russo.

Zamuner: “Giacomo Bindi è il portiere che ha conquistato la promozione in serie B con il Pisa l’anno scorso e aveva vinto un altro campionato a Latina, Michele Russo, l’ultimo anno a Cremona, è reduce dalla scalata dell’Entella nelle scorse stagioni, quindi ci siamo portati in casa due giocatori importanti che sanno cosa vuol dire vincere”.

Bindi : “Vengo qui non perché Padova sia una seconda scelta ma perché è una società importante e una piazza dove ho sempre invidiato chi ha avuto la possibilità di giocarci. Questa è la stagione più importante della mia carriera, personalmente sono in crescendo dal punto di vista delle prestazioni personali e volevo un ruolo di primo piano quest’anno per cui questo è il posto giusto per me. Conosco mister Brevi ed è stato un motivo in più per scegliere Padova, so come lavora e come intende il calcio e so anche che è un ottimo allenatore. Vincere il campionato non è una cosa facile ma il mister ha tutte le carte in regola, per quelle che sono le caratteristiche, per creare un gruppo coeso. Per vincere il gruppo è fondamentale, dipende certamente dai ragazzi ma anche dalla società e dallo staff tecnico che deve essere bravo a tenere sempre tutti sulla corda, anche chi gioca meno: a Latina e Pisa, dove ho avuto la fortuna di vincere era così e credo il vero segreto sia remare tutti dalla stessa parte. Sono un portiere concreto, come d’altra parte è il mio carattere, non penso tanto alla parata spettacolare ma penso prima di tutto al bene della squadra e non a quello personale. Il mio addio a Pisa? È successo tutto molto in fretta e non ho nemmeno avuto il tempo di pensare troppo, quando ho capito che le promesse sarebbe restate tali ho preferito prendere un’altra strada e quando si è presentata l’occasione di venire a Padova non ho esitato un attimo”.

Russo: “Arrivo con tanto entusiasmo, ho voluto venire qui quando mi si è presentata l’occasione chiudendo la trattativa il più in fretta possibile. Vengo da una buona esperienza a Cremona dove sono stato bene ma Padova è una piazza che non ha bisogno di pensare quando ti chiama e per me così è stato. Ho già giocato nel 3-5-2 e non solo a Cremona nella passata stagione, ho occupato tutti e tre i ruoli della difesa ed è un modulo in cui mi trovo bene e mi sento a mio agio. Per vincere i campionati serve creare un gruppo che abbia unità d’intenti e che vada d’accordo sia fuori che dentro il campo. Sono contento di essere qui, Cesar, mio compagno e quasi fratello quando ero a Chiavari mi ha consigliato di venire qui e mi ha detto che non me ne sarei mai pentito”.

Al termine della conferenza stampa i due giocatori sono partiti con il dg Giorgio Zamuner alla volta di Mezzano dove si uniranno ai compagni già al lavoro in ritiro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy