Sala stampa Padova-Lecce, Centurioni: “Vittoria fortemente voluta dai ragazzi. Se ci crediamo? Facciamo il massimo, poi vediamo”

Sala stampa Padova-Lecce, Centurioni: “Vittoria fortemente voluta dai ragazzi. Se ci crediamo? Facciamo il massimo, poi vediamo”

di Tommaso Rocca

Tra poco in diretta dalla sala stampa dello stadio Euganeo le dichiarazioni dei protagonisti al termine di Padova-Lecce

Centurioni: “Mi tolgo un peso con la prima vittoria, contro tra l’altro una squadra che probabilmente gioca il miglior calcio della Serie B. Baraye? Non posso tenere fuori un giocatore del genere, negli strappi e ripartenze è devastante e oggi lo ha dimostrato. Devo comunque fare i complimenti a tutti i ragazzi, hanno interpretato e lottato per tutta la gara e li ringrazio per questo. Meglio con le grandi che con le piccole? Credo sia un problema mentale, alcune partite sono state caricate troppo e quando non le vinci poi il clima dello spogliatoio non è facile da recuperare. Anche le cose extra-campo ci hanno creato dei problemi, poi i giocatori non sono tranquilli e quando vanno in campo poi si vede. Ultimamente probabilmente ci siamo mollati viste le prospettive future, in campo i giocatori si esprimono meglio e senza pressione sembrano giocare con un altro spirito. L’annata non è stata facile, sono cambiati gli allenatori ma anche tanti giocatori, trovare gli equilibri dentro e fuori del campo non è poi così immediato come può sembrare. Ora? Non è questione di crederci o meno, noi come abbiamo sempre fatto da quando sono qui giocheremo per dare il meglio in tutte le partite che restano. I ragazzi in allenamento dimostrano di seguirmi e per me questoè già importante”.

Liverani: “Le feste vanno meritate. Oggi il Padova ha meritato, per noi è stata una giornata storta. Venivamo da una gara non facile con il Brescia, loro invece avevano riposato. Abbiamo ancora il destino nelle nostre mani, ora riposiamo e avremo una settimana per preparare quello che per noi sarà un match point. Giochiamo il calcio migliore della B? Non sempre significa vincere, dipende da che uomini e che sacrificio si mettono poi in campo che ha sempre l’ultima parola. Credo in Italia ci sia la tendenza a criticare troppo. Anche in serie A, i primi 8 in classifica sono tutti criticati, credo si esageri. Se il risultato del Palermo ci può aver condizionato? Non credo, dovevamo vincere comunque. Il Padova si giocava l’ultima chance di salvarsi e alle volte le energie nervose fanno la differenza. Le avvisaglie di una gara difficile le avevamo avute visto il Padova a Palermo, ce la siamo complicata e rimetterla in carreggiata non è stato per niente facile”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy