Sala stampa Padova-Reggiana, Brevi: “Sono contento, lo stadio era dalla nostra parte. Ora la continuità”

Sala stampa Padova-Reggiana, Brevi: “Sono contento, lo stadio era dalla nostra parte. Ora la continuità”

Commenta per primo!

Queste le dichiarazioni rilasciate dai protagonisti di Padova-Reggiana nella sala stampa dell’Euganeo al termine del match.

Brevi: “Oggi abbiamo disputato una buona gara contro una squadra forte e quadrata, che oltretutto in precedenza aveva subìto pochissimi gol. Credo non sia stato un Padova eccellente, ma c’è da considerare anche il valore dell’avversario. Non parlerei di squadra chiamata a dimostrare una volta per tutte le sue responsabilità, ma solamente di pazienza. A San Benedetto non avevamo fatto una buona gara, mentre questa sera la squadra ha dimostrato che ha dei valori. Abbiamo avuto qualche difficoltà nella gestione degli impegni ravvicinati, ma io di fiducia nei miei ragazzi io ne ho sempre avuta: è anche per questo che oggi abbiamo visto il Padova correre più della Reggiana. Certo, abbiamo sofferto un pochettino i centimetri dei loro cinque saltatori importanti, ma questo è un discorso strutturale difficilmente rimediabile. A parte le due situazioni concesse, comunque, mi sembra che i miei giocatori oggi abbiano creato gioco e siano soprattutto stati cinici nel finalizzare le occasioni avute, a differenza di quanto accaduto in altre partite. Questo è anche dovuto al pieno recupero di condizione di uomini che vengono da lunghi infortuni come Altinier e Filipe. Come mi sento? Personalmente sono molto contento sia della prestazione che del risultato. Ad ogni modo abbiamo vinto solo una partita, quindi non possiamo dire di aver improvvisamente trovato tutte le soluzioni ai nostri problemi. L’obiettivo è ora dare continuità alla prestazione di questa sera a partire da sabato con il Santarcangelo. I tifosi di facebook? Non ho nessun messaggio per loro. Se parliamo di tifosi, anzi, desidero ringraziare coloro che sono venuti allo stadio questa sera. Gli ultras anche questa sera hanno cantato e ci hanno incitato, lo stadio era dalla nostra parte e i giocatori ne hanno beneficiato”.

Zamuner: “La squadra ha dato una risposta importante. Abbiamo vinto contro una squadra importa te e stasera possiamo essere felici. Non credo che i giocatori facessero apposta a giocare male, abbiamo sbagliato certamente qualche partita. Ero e resto convinto che la squadra è di valore e vedendo tutti i giorni come lavora l’allenatore sapevo che eravamo in grado di fare molto meglio di come abbiamo fatto nelle ultime uscite. La squadra ha dimostrato di essere con l’allenatore, non avevo dubbi su questo e non avevo dubbi sul fatto che i ragazzi avrebbero tirato fuori una prestazione per la maglia. Non si può sempre giocar bene ma stasera abbiamo vinto e questo è già un bel passo in avanti”.

Russo: “Abbiamo giocato per dimostrare prima di tutto a noi stessi e poi ai tifosi che non eravamo quelli delle ultime prestazioni. Oggi abbiamo avuto il coraggio di osare qualcosa in più e siamo stati premiati. L’ambiente si è compattato in questo momento di difficoltà ma non abbiamo fatto nulla, ora dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa e continuare in questo percorso di crescita. Il rigore? Non era programmato tirassi io, in settimana li proviamo spesso con Emerson e Altinier, quando l’arbitro ha fischiato ci siamo guardati e sono andato a calciarlo io perché me la sentivo. Li calciavo anche all’Entella e anche stasera è andata bene, sono contento perché con quel rigore abbiamo sbloccato il match e ci siamo tolti un bel peso”.

Altinier: “Siamo entrati in campo con l’atteggiamento giusto, volevamo dimostrare che non eravamo quelli di San Benedetto e credo lo abbiamo fatto. Speriamo questa possa essere la gara della svolta anche se sappiamo che non abbiamo ancora fatto niente almeno possiamo lavorare con più serenità in settimana. Siamo felici perché abbiamo conquistato tre punti contro una squadra forte tra l’altro, credo la migliore incontrata fin qui, questo vuol dire che siamo vivi. Il gol? Ovvio che a un attaccante come me mancava anche se io cerco sempre di dare tutto il mio contributo alla causa e so che se continuo a lavorare bene come faccio il gol prima o poi arriva”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy