Vigilia Padova-Bassano, Brevi: “È giunto il momento di stringere i denti! Vogliamo rifarci della sconfitta dell’andata”

Vigilia Padova-Bassano, Brevi: “È giunto il momento di stringere i denti! Vogliamo rifarci della sconfitta dell’andata”

Padova-Bassano, la vigilia. Prevista per le ore 11 la conferenza stampa di mister Oscar Brevi, che presenterà i temi della gara ai campi della Guizza.

 

Queste le sue dichiarazioni: “In campo mi aspetto grande attenzione, grande concentrazione e grande voglia. Vogliamo cercare di ottenere il massimo e rifarci della sconfitta dell’andata. Non dimentichiamo infatti che quella che affronteremo domani è l’unica squadra di alta classifica con cui abbiamo perso nella prima metà del campionato. Mi aspetto una gara difficile e complicata, anche perché lunedì il Bassano ha rischiato di fare risultato contro il Venezia. In più, al momento di scendere in campo sapremo già i risultati delle altre, quindi la partita diventerà ancora più importante. L’assenza di Emerson? È il nostro regista arretrato, un giocatore per noi molto importante. Ne sentiremo senz’altro la mancanza. A livello difensivo, invece, chi lo sostituirà dovrà dimostrare il suo valore. Io ho grande fiducia in tutto il gruppo. Berardocco dall’inizio? Prenderò le mie decisioni al termine della seduta odierna, dopo aver visto se riusciremo recuperare i due-tre acciaccati di questa settimana. Mazzocco? Fisicamente non dovrebbe avere problemi ma, al di là di questo, ora è giunto il tempo di stringere i denti, soffrire e avere la voglia e la rabbia di tirare fuori quel qualcosa in più che ci potrà essere utile in questa fase del campionato. Lui rappresenta una soluzione per la fascia, altrimenti abbiamo l’alternativa Boniotti. Un cambio di modulo? Difesa a tre o a quattro cambia poco, quantomeno per il nostro modo di giocare sugli esterni. Vedremo, ma l’importante è mettere in campo gli elementi che offrono le maggiori garanzie. Altinier? Ha avuto due giorni di febbre, ma è a disposizione. Vale anche per lui il discorso di prima: in questo momento bisogna stringere i denti. Fa parte del nostro lavoro, senza scusanti. La squalifica di Madonna? Ero vicino, non me l’aspettavo. Al fischio finale c’era stata confusione, certo, ma ho visto episodi molto più pesanti. Nicola ha esultato dopo una vittoria sofferta, ma senza offendere nessuno. Spero che gli organi preposti cambino la loro valutazione, perché credo che sia stata compiuta un’ingiustizia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy