Padova, è un buon pareggio. Campionato o Coppa? Chiara la priorità di Brevi

Padova, è un buon pareggio. Campionato o Coppa? Chiara la priorità di Brevi

Commenta per primo!

E’ un buon pareggio quello di ieri all’Euganeo. Considerati gli infortuni in serie che hanno falcidiato l’attacco, non si poteva chiedere di più alla squadra che in campo ha inevitabilmente sofferto, ma ha resistito con tenacia, lottando generosamente su tutti i palloni. A oggi sono tre gli obiettivi possibili dei biancoscudati: primo posto in campionato (molto difficile), secondo posto (alla portata) e Coppa Italia (alla portata). A tal proposito ieri sera Brevi ha lanciato un messaggio chiaro: piuttosto che fare scelte improvvide portando in panchina i titolari, meglio non rischiare nulla in vista del match con il Teramo, lasciando ai giovani e alle “seconde linee” il compito di frenare il Venezia (frenare ci sembra il termine migliore, batterlo sarebbe stato onestamente complicato). Questo significa che i primi due posti in campionato rimangono ancora prioritari rispetto alla Coppa per il tecnico milanese. Strategia che può essere condivisa, viste le distanze non siderali da Parma e Venezia.
Oltre al pareggio, di buono c’è che la squadra di Coppa continua a dimostrare grande affiatamento, sapendo sopperire con grinta a inevitabili svarioni dovuti alla poca esperienza (vedi l’azione del gol veneziano nato da una comoda sovrapposizione dalla destra, con cross e appoggio in rete di Ferrari in anticipo su Monteleone). Gli applausi dell’Euganeo a fine partita (vedi bella foto Menapace qui sopra) sono tutti meritati. Mercoledì 8 marzo al Penzo una squadra probabilmente più offensiva (incrociando le dita per i rientri in attacco) proverà a contendere la qualificazione in finale ai lagunari.

Le pagelle di Padova-Venezia, clicca qui.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy