Padova, Ilari: “Il pareggio dell’Alessandria ci carica, dobbiamo tenere vive le speranze”

Padova, Ilari: “Il pareggio dell’Alessandria ci carica, dobbiamo tenere vive le speranze”

Parla l’esterno biancoscudato, intervistato da Il Gazzettino

Adesso si fa veramente interessante, e non bisogna farsi scappare l’occasione. Da ieri sera le quotazioni del Padova in chiave play off hanno fatto registrare un deciso rialzo, con una consapevolezza in più: la corsa va fatta principalmente sull’Alessandria. Se infatti il Bassano ha vinto con il Lumezzane portando al momento il vantaggio sui biancoscudati a dieci lunghezze, l’aiutino è arrivato dal Mantova che ha bloccato sul pareggio i piemontesi. Il che significa che l’Alessandria si porta otto punti avanti, ma domani sarà il turno di Neto Pereira e compagni a scendere in campo e facendo bottino pieno nella trasferta con l’Albinoleffe il gap scenderebbe a cinque, oltre a sorpassare in classifica il Feralpi Salò sconfitto a Cuneo. Il tutto tenendo conto che all’ultima giornata c’è lo scontro diretto all’Euganeo, appuntamento al quale comunque il Padova deve arrivare rosicchiando nel frattempo qualche altro punticino.
Eventualità non del tutto remota se si tiene conto che nelle prossime due tappe l’Alessandria affronterà Sudtirol (trasferta) e Reggiana (casa), mentre il Padova se la vedrà con Giana Erminio e Bassano, altro ipotetico scontro diretto. Intanto, il pareggio dell’Alessandria ha dato ulteriore morale ai biancoscudati, e le parole di Marco Ilari sono eloquenti: «Ci dà sicuramente una carica in più perché sappiamo che possiamo rubare punti importanti, senza dimenticare che abbiamo lo scontro diretto. Ci stiamo preparando bene per la trasferta con l’Albinoleffe consapevoli che è un’occasione importante e dobbiamo fare di tutto per tenere vive le speranze». Nove sigilli nel campionato scorso, ancora a secco quest’anno pur avendo già segnato in Lega Pro con Pisa, Poggibonsi e Martina. Chissà che Ilari non trovi la prima gioia personale proprio con l’Albinoleffe. «Magari, speriamo che sia la volta buona. Un po’ mi manca il gol perché è la cosa più piacevole che può succedere in campo, però prima c’è da fare al meglio le cose che vanno fatte sul campo per l’economia della partita e della squadra. Poi il resto verrà di conseguenza».
Proprio Ilari dovrebbe tornare nell’undici di partenza, stando alle indicazioni emerse ieri alla Guizza. Pillon ha provato la formazione tipo con Favalli regolarmente sulla corsia mancina in difesa, mentre a centrocampo sono in pole position Bucolo e Baldassin, e sugli esterni Finocchio e appunto Ilari. L’esterno romano ha tirato un po’ il fiato con la Pro Patria (subentrato a Petrilli nella ripresa) e ora fiuta che può essere di nuovo il suo turno. «C’è questa possibilità, è fisiologico che ci sia stato anche un avvicendamento. In quel ruolo siamo coperti, chiunque va in campo può fare molto bene. Con la Pro Patria il risultato è arrivato ed è la cosa che più ci interessava, adesso vediamo domani quali saranno le scelte del tecnico. Comunque la prendiamo a cuor leggero perché sappiamo che tutti possono dare tanto alla squadra». (Da Il Gazzettino)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy