Padova, l’esperienza di Corti: “Scossone positivo, ma occhio ai cali di tensione”

Padova, l’esperienza di Corti: “Scossone positivo, ma occhio ai cali di tensione”

Commenta per primo!

Tra i biancoscudati più utilizzati e che hanno incontrato la maggior fiducia di entrambi gli allenatori visti in questo campionato all’ombra del Santo c’è sicuramente Daniele Corti, capace di mettere l’esperienza al servizio della squadra. Il centrocampista 35enne, dopo qualche settimana in cui ha sofferto i postumi di una forte contusione al coccige rimediata nella trasferta di Gorgonzola ha ripreso il suo posto in mezzo al campo pronto a guidare la squadra verso un gran girone di ritorno come dichiara al Gazzettino: “Sto bene, sento solo un fastidio sopportabile e riesco a fare tutto. Sono abbastanza soddisfatto della mia stagione fin qui, trovare così tanto spazio fa piacere ma prima di tutto sono contento che la squadra sia tornata ad essere serena”. Uno come lui di situazioni intricate ne ha viste diverse e per svariati motivi, il Padova è riuscito a risolverla ma come lo stesso giocatore ricorda c’è ancora molto da lavorare: “Lo scossone dovuto al cambio del tecnico ci è servito, abbiamo ripreso a fare quelle cose che prima ci riuscivano e poi per varie situazioni non ci venivano più. A livello di formazione non c’è stata una vera rivoluzione e per questo ritengo si trattasse di una questione di testa”. Ora arriva una Reggiana ferita e perciò pericolosa, e Daniele, che contro gli emiliani all’andata ha debuttato in biancoscudato ci tiene a non abbassare la guardia: “Dopo la sosta siamo ripartiti con la stessa mentalità, dobbiamo stare un po’ più attenti in certi frangenti, nelle ultime gare abbiamo concesso due reti evitabili. Siamo soddisfatti di come vanno ora le cose ma occhio ai cali di tensione: possiamo giocarcela con tutti ma anche perdere con chiunque”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy