Padova, l’ex Niccolini fiducioso: “E’ un gruppo che può giocarsela fino alla fine. In biancoscudato per me due anni stupendi”

Padova, l’ex Niccolini fiducioso: “E’ un gruppo che può giocarsela fino alla fine. In biancoscudato per me due anni stupendi”

Commenta per primo!

Intervenuto ai microfoni di PadovaSport.tv, l’ex difensore del Padova Daniel Niccolini, recentemente accasatosi alla Vigontina San Paolo, ha parlato dell’attuale situazione biancoscudata. “E’ un gruppo che sta facendo bene, già dall’inizio si vedeva che era stata costruita una buona squadra, e ora, con gli innesti di gennaio, credo possa giocarsi fino in fondo la vittoria finale con Parma e Venezia. La difesa, infatti, prende pochi gol, mentre per quanto riguarda l’attacco arriverà senz’altro il momento in cui si riuscirà a finalizzare meglio le tante occasioni da gol. Un plauso comunque a Bergamin e Bonetto, che sono stati di parola: una volta rilevata la società avevano detto che nel giro di tre anni il Padova avrebbe potuto giocarsi la B, e i programmi sono stati rispettati. Si stanno muovendo bene, peccato per la concorrenza in vetta alla classifica, ma nel calcio non si sa mai… La mia esperienza all’ombra del Santo? Infortunio a parte, in biancoscudato ho vissuto due anni stupendi. Sono ricordi che porterò sempre con me. La nostra, in Serie D, è stata una cavalcata travolgente, e nonostante il “fallimento” i tifosi ci sono sempre stati vicini. Dopotutto, per noi il Padova era l’occasione della vita, non potevamo certo deluderli! Il mio gol alla Castellana? Quella partita non la dovevo nemmeno giocare perché ero appena arrivato: sono partito dalla panchina, Thomassen si è infortunato, sono entrato e ho subito segnato. Sono belle emozioni da rivivere, specialmente ora che sono fermo da un anno. I vecchi compagni? Siamo sempre in contatto, ci sentiamo e ci vediamo spesso”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy