Padova-Palermo, all’Euganeo la prima volta della nuova società rosanero

Padova-Palermo, all’Euganeo la prima volta della nuova società rosanero

di Redazione PadovaSport.TV

Il velo è stato tolto. La società a cui Maurizio Zamparini ha venduto il 100% del pacchetto azionario del Palermo ha un nome: è la Global Futures Sports Entertainment, società inglese che ha dietro un gruppo d’investitori britannici. Il giorno indicato dall’ex patron come quello della verità su chi ha rilevato il club è trascorso nell’attesa di un comunicato ufficiale del club stesso o da parte della Borsa di Londra, invece i nuovi proprietari si sono svelati in tarda serata con un’esclusiva a Pop Economy di Clive Richardson, Ceo della Global Future Sports Entertainment. «Abbiamo valutato diverse possibilità nel mondo del calcio negli ultimi sei mesi, ma riteniamo che il Palermo sia una grande opportunità. Vista la tradizione del club, vogliamo fare qualcosa che sia molto speciale all’interno della
comunità — dice Richardson — crediamo che il club sia in una grande posizione in questo momento, non vogliamo metterlo a repentaglio e vogliamo far crescere il suo valore e i servizi che offre ai suoi fans». Richardson, poi, si sofferma su come funziona la società, aprendo anche a scenari futuri: «Rappresentiamo un gruppo di investitori da tutta la Gran Bretagna, sono promotori e investitori, ma crediamo che nel futuro ci saranno possibilità per altri investitori di salire a bordo. Grazie all’acquisizione del Palermo stiamo pensando a come sviluppare e migliorare le strutture del club».
L’obiettivo sono le infrastrutture del Palermo. «Nel momento in cui sei in grado di costruire nuovi stadi o campi di allenamento, il club ne trae beneficio. Crediamo che i club italiani rappresentino un grande valore e che possano avere un grande futuro. Quando abbiamo cercato nuove opportunità nel corso degli ultimi sei mesi, l’abbiamo fatto da un punto di vista degli investimenti». La nuova proprietà si avvarrà di un comitato di consulenti, un collegio di cui farà parte David Platt, l’ex stella del calcio inglese che giocato con Juve, Sampdoria e Bari, e anche Zamparini. «Abbiamo un Board di consulenti che vengono dal mondo del calcio, abbiamo manager e allenatori. Per questa opportunità che si è aperta in Italia, uno dei membri è Platt che ha giocato e allenato qui in Italia, quindi è venuto con noi a Palermo». Platt farà parte della delegazione con Richardson e Zamparini che sbarcherà oggi a Palermo per presentarsi alla squadra e alla città. (La Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy