Padova, persa la Coppa l’obiettivo adesso è il secondo posto

Padova, persa la Coppa l’obiettivo adesso è il secondo posto

Le scelte di formazione di Oscar Brevi nel ritorno della partita di Coppa contro il Venezia, hanno rianimato la schiera di tifosi perplessi sul tecnico milanese: in tanti accusano Brevi di non aver osato di più, presentantosi al Sant’Elena con una formazione già sulla carta rinunciataria. Scelta discutibile, ma sostenuta da una certa coerenza: tanto che nel post partita l’allenatore biancoscudato ha dichiarato che non “sarebbe stato giusto” schierare i titolari (leggi qui), facendo così intuire che ci voleva riconoscenza verso chi ha spinto il Padova fino alla semifinale. Più che Coppa “snobbata” ci sembra più probabile che Brevi abbiamo voluto mantenere il gruppo compatto, dando risalto e importanza anche a chi sta giocando meno in campionato.
A questo punto l’obiettivo più realistico della stagione diventa il secondo posto in campionato, che darebbe gli stessi benefit della Coppa Italia: bisognerà però raggiungere e superare il Parma, squadra che arriverà all’Euganeo in uno scontro diretto fondamentale mercoledì 5 aprile. E il Venezia? Solo la squadra di Inzaghi potrà suicidarsi perdendo terreno, il passo deciso e il vantaggio acquisito in classifica fanno intendere che il sipario sul primo posto stia lentamente calando, con buona pace di tutte le inseguitrici.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy