Palomba (ag. Bucolo): “La società non ci ha comunicato niente di ufficiale, restiamo in attesa”

Palomba (ag. Bucolo): “La società non ci ha comunicato niente di ufficiale, restiamo in attesa”

Commenta per primo!

Dallo scorso 29 gennaio, giorno del battibecco tra Pillon e Bucolo, è passato ormai più di un mese ma non è arrivata nessuna novità a riguardo. Il centrocampista siciliano, fino ad allora tra i più presenti per quanto riguarda i minuti giocati in stagione, è stato escluso dalla lista dei giocatori utilizzabili in campionato e presentata alla Lega i primi di febbraio. Con il passare del tempo poi la frattura si è piano piano ricomposta: Bucolo si allena con il gruppo da qualche settimana e a giorni si attende una comunicazione da parte del club circa il reintegro del ragazzo. Una decisione che, però, ancora non è arrivata come il suo agente Gerry Palomba ha dichiarato a TuttoMercatoWeb.com: “Il Padova non ci ha comunicato niente di ufficiale. Saro si sta regolarmente allenando con il gruppo, restiamo in attesa anche noi di conoscere le intenzioni della società”. La lite con Pillon è ormi alle spalle, Bucolo ha chiesto scusa e secondo Palomba ora con il tecnico è tornato, per quanto possibile, a essere tutto a posto: “Quanto avvenuto a gennaio è stato un comportamento poco felice, una leggerezza, di cui ha chiesto scusa a tutti. Adesso vive questo momento con la consapevolezza che l’impegno e il lavoro costante siano il modo migliore per rispondere a quanto accaduto”. A questo punto il reinserimento in lista del giocatore potrebbe avvenire da un momento all’altro, visto anche il recente infortunio di un pari ruolo come Corti, anche se in casa biancoscudata non pare esserci fretta. Conclude l’agente del giocatore: “Credo che il problema sia l’unico posto rimasto a disposizione nella lista della squadra. Si è parlato nei giorni scorsi del possibile arrivo di un attaccante, ma non sappiamo molto in merito alle necessità della squadra. Rimaniamo in attesa, con Rosario che lavora ogni giorno per far dimenticare quanto accaduto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy