Pordenone-Padova, Trevisan: “Sarà una sfida molto tattica. E c’è l’incognita delle condizioni del campo”

Pordenone-Padova, Trevisan: “Sarà una sfida molto tattica. E c’è l’incognita delle condizioni del campo”

di Redazione PadovaSport.TV

«Pordenone è la città in cui sono cresciuto, la squadra in cui ho debuttato tra i grandi – spiega Trevor Trevisan – Ma scorrendo la mia carriera, è vero, non si direbbe: sono nato nel Lazio, di dove è originaria mia madre, ma mi sono trasferito subito in Friuli. Sono sbarcato in neroverde in Serie D, vincendo il campionato al mio primo anno in prima squadra: da un punto di vista affettivo è una piazza a cui sarò sempre legato». Ma è vero che, prima di tornare a Padova, quest’estate c’era la possibilità che Colucci la portasse in neroverde? «Con lui ho sempre avuto un buon rapporto, per me l’anno scorso è stato importantissimo perché a Reggio Emilia mi ha restituito la voglia di giocare. Siamo sempre rimasti in contatto, è vero, ma non si è mai parlato di un possibile ritorno in Friuli. Men che meno quando è arrivata la chance di venire a Padova: non ho preso in considerazione nessun’altra ipotesi». Che Pordenone si aspetta? «Arrabbiato innanzitutto: arrivano da due risultati negativi, e sono sicuro che la stiano preparando bene. È una partita fondamentale per entrambi: il Padova può consolidare la propria posizione, il Pordenone deve assolutamente riprendersi. Sarà una sfida molto tattica, gli allenatori lavorano molto su questo aspetto, ma l’incognita sarà il campo ancora una volta: contro la Triestina, domenica scorsa, si è visto che il terreno del “Bottecchia” era molto pesante, speriamo che non piova in queste ore». (Da Il Mattino)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy