Sala stampa Forlì-Padova, biancoscudati in coro: “Peccato non aver concretizzato le occasioni, ma il gol di Neto poteva cambiare tutto”

Sala stampa Forlì-Padova, biancoscudati in coro: “Peccato non aver concretizzato le occasioni, ma il gol di Neto poteva cambiare tutto”

Commenta per primo!

Queste le dichiarazioni rilasciate nel postpartita dai protagonisti di Forlì-Padova:

Brevi: “Quando fallisci tante occasioni da gol, poi rischi di perdere la partita. Il Forlì ha fatto la sua gara, ma purtroppo noi non siamo riusciti a concretizzare quanto creato a volte per bravura del portiere, a volte per errori nostri. Anche se c’è da dire che quel pallone era entrato… Io comunque ero stato tra i pochi a non protestare, ma mi hanno espulso perché ero uscito dall’area tecnica. Berardocco in panchina? E’ arrivato da poco e gli ho preferito Mazzocco e Mandorlini, che stavano bene. Ho fatto questa scelta, ma mica abbiamo perso perché non c’era Berardocco. L’atteggiamento iniziale era infatti quello giusto, abbiamo creato molte palle gol, a volte clamorose, e concesso una sola ripartenza, subendo gol proprio in quella occasione. Nella ripresa mi aspettavo un calo del ritmo, il Forlì è stato bravo a chiudersi, ma nonostante ciò abbiamo ugualmente avuto due-tre palle gol per pareggiare. Insomma, sotto l’aspetto dell’atteggiamento non posso dire niente ai ragazzi, perché abbiamo davvero creato tantissimo. Continuiamo su questa strada perché giocando così i risultati arriveranno. L’operato dell’arbitro? Oltre al gol, in avvio di secondo tempo c’era un rigore solare per noi, ma non è stato ravvisato. Con questo non voglio dire che abbiamo perso per colpa del direttore di gara, ma questi sono episodi che incidono sulla partita. La scarsa precisione degli attaccanti? A volte fanno gol alla prima occasione, altre volte creano tante opportunità senza però riuscire a concretizzarle. Ora continuiamo a lavorare, consapevoli dei nostri pregi e dei nostri difetti”.

Zamuner: “Partita strana che ci lascia l’amaro in bocca. Il nostro primo tempo è stato importante, ma non siamo riusciti a sbloccare la gara, subendo gol sull’unica occasione avversaria. E’ un peccato, anche perché mi dicono che il gol di Neto Pereira era da convalidare. I nostri primi quaranta minuti sono stati i migliori del campionato, quindi alla squadra oggi non possiamo proprio dire nulla. La classifica? La guardiamo, ma è impossibile tornare indietro nel tempo di novanta minuti. Rimbocchiamoci le maniche e pensiamo a domenica prossima”.

Neto Pereira: “Il mio gol? A me la palla sembrava entrata, purtroppo quello era un episodio che poteva cambiare la partita. Facciamo mea culpa per gli errori commessi, specie in fase di finalizzazione perché per vincere bisogna segnare. Comunque, non buttiamo via questa prestazione: siamo partiti bene, ma purtroppo durante la partita gli episodi ci hanno penalizzato. Dispiace perché ci tenevamo molto ricominciare nel migliore dei modi, ma ora iniziamo già a pensare alla prossima sfida”.

Madonna:
“Gran primo tempo, ma nonostante le occasioni create non siamo riusciti a segnare. Dopo il loro eurogol il secondo tempo si è rivelato complicato, abbiamo messo in mezzo molti palloni ma ancora una volta non c’è stato nulla da fare. Evidentemente doveva finire così… Il gol fantasma? Sono episodi che cambiano le partite e possono influenzare anche un campionato. E’ un peccato che vengano commessi errori del genere. In più ci hanno anche espulso il mister. Ma non vogliamo alibi, perché se non siamo riusciti a vincere significa che qualcosa abbiamo sbagliato, in questo caso sotto porta”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy