Sala stampa Padova-Feralpisalò, Pillon: “Vittoria importante contro un avversario di valore. Il lavoro di questi due mesi ormai si vede”

Sala stampa Padova-Feralpisalò, Pillon: “Vittoria importante contro un avversario di valore. Il lavoro di questi due mesi ormai si vede”

Commenta per primo!

Le dichiarazioni dei protagonisti in diretta dalla sala stampa dell’Euganeo nel post-partita di Padova-Feralpisalò.

Diana (allenatore FeralpiSalò): “I nostri primi venti minuti sono stati buoni, seppur non forieri di particolari occasioni da gol. Per quanto riguarda la ripresa, credo che la vittoria del Padova sia meritata; eravamo in difficoltà ed il campo pesante non ci ha aiutato. Soffrivamo la loro fisicità e facevamo fatica a ripartire. Se ci mettiamo poi un gran gol come quello dell’1-0 e l’assenza di Romero, ecco maturare la nostra prima sconfitta sconfitta esterna. Avevamo fatto bene in altri campi difficili, un punto oggi ci sarebbe anche andato bene, ma così non è stato. Ripartiamo e non facciamo drammi, magari cercando di cambiare qualche meccanismo offensivo, dato che ormai i nostri avversari ci conoscono. Complimenti al Padova, che riconferma il proprio buon momento. Sta bene sia fisicamente che mentalmente ed è molto quadrata. Credo che abbia le carte in regola per entrare nel gruppone che punta ai playoff. Può dire ancora la sua e sono certo che darà fastidio a qualche altra nostra concorrente”.

Pillon: “Quello che mi interessava oggi era vedere la risposta della squadra contro una delle compagini più attrezzate del campionato. Nei primi venti minuti la Feralpi si è espressa davvero bene, poi la situazione è migliorata e nella ripresa siamo riusciti a pressare con efficacia la loro trequarti bloccando le fonti di gioco. Ne è scaturita una vittoria importante contro un avversario di valore; siamo stati intelligenti a rimanere sempre compatti, poi, alla lunga, martellando martellando ce l’abbiamo fatta. Ora siamo a sei punti dalla terza in classifica: sono ancora tanti… La strada che abbiamo imboccato sembra tuttavia quella giusta. Dobbiamo dunque proseguire così partita per partita e non mollare nulla. Quindi guai a perdere l’umiltà: dobbiamo andare avanti con questa filosofia di gioco in cui in undici giocatori difendono e undici giocatori attaccano. E non poniamo limiti alla provvidenza… Ma per salire in classifica servirà mantenere questa continuità di risultati che ci ha portato oggi a più 12 punti sulla zona playout. Un traguardo non è facile da ottenere in quello che io reputo l girone più difficile della Lega Pro. L’autostima della squadra sta crescendo, c’è più consapevolezza da parte dei miei ragazzi nei loro mezzi. D’altra parte abbiamo dimostrato di saper giocare ottime partite anche contro gli avversari più quotati. Alle volte si riesce a vincere, alle volte no. Oggi siamo riusciti a trovare il gol con l’episodio di Corti, ma c’è da dire che stavamo spingendo tanto in quella fase di gara. E’ stata la fisicità in mezzo al campo a fare la differenza. E complimenti anche ai subentrati: cono contento di vedere chi entra a gara in corso profondere il massimo impegno per la squadra. Un bilancio? Come ho già dichiarato, questa squadra ormai la sento mia. Ed avendo ora delle valide alternative ho anche maggiore scelta. Buona anche la tenuta atletica della squadra su un campo pesante in una gara dai ritmi alti. Anche da questo punto di vista il lavoro di questi due mesi inizia a vedersi. Ma da qui alla fine sarà una bella lotta. Petkovic? Calciando ha sentito un fastidio alla gamba. Speriamo non sia nulla di grave”.

Edoardo Bonetto: “Secondo tempo spettacolare mi sono divertito e la squadra ha fatto davvero bene. Giocavamo con la seconda in classifica, quindi erano qui per fare risultato e credo che il mister abbia preparato la partita in questo modo. Devo fargli i complimenti perché oggi ho visto il Padova giocare davvero bene. Oggi sono contento per noi e per i tifosi, chi ha pagato il biglietto nonostante il brutto tempo credo che possa andare a casa contento. Ottimi i nuovi acquisti, ottima reazione della squadra nel secondo tempo dopo un primo tempo dove la Feralpi ci aveva messo un pò in difficoltà”

Sparacello: “Esordio fantastico, alla mia prima gara a Padova ho segnato, abbiamo vinto e meglio di così non poteva andare. Dedico il gol a mia nonna che da lassù so che mi segue sempre e a cui ero molto legato. Una grande soddisfazione segnare davanti al nostro pubblico e la corsa sotto la curva mi è venuta spontanea perché anche io da piccolo a Palermo andavo in curva e so cosa vuol dire essere un ultras. Abbiamo fatto un gran secondo tempo, siamo passati in vantaggio e poi alla fine Mazzocco mi ha passato quella palla nella quale ho cercato di essere il più freddo possibile ed è andata bene”.

Bergamin: “Un passo in avanti, dimostrazione di poter anche far sfoggio di un bel gioco. Questa è una vittoria che ci da fiducia e dimostra anche che le nostre scelte sono state giuste. Sono contento del gol di Sparacello e mi auguro che gli dia fiducia per il futuro, intanto questo è un bel biglietto da visita. Ora guardiamo al futuro con più serenità, non parliamo di playoff, pensiamo a fare bene partita dopo partita e le prossime due contro Sudtirol e Cittadella saranno già due banchi di prova importanti”.

Corti: “Ho fatto pochi gol ma belli, oggi ho provato ed è andata bene. Primo tempo difficile ma come occasioni eravamo alla pari poi nella ripresa siamo usciti fuori e abbiamo giocato un gran calcio. Quando segno poi corro sempre verso la panchina perché il gruppo è importante e il mio pensiero va sempre anche ai ragazzi che non giocano. Ora guardiamo avanti, noi ci proviamo e andiamo sempre in campo per vincere poi vedremo le altre cosa fanno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy