Sala stampa Padova-Renate. Bisoli: “Mi è piaciuto il sacrificio corale. Non dobbiamo mai accontentarci e provare a vincere sempre”

Sala stampa Padova-Renate. Bisoli: “Mi è piaciuto il sacrificio corale. Non dobbiamo mai accontentarci e provare a vincere sempre”

di Tommaso Rocca

Tra poco in diretta dalla sala stampa dello stadio Euganeo le dichiarazioni dei protagonisti al termine di Padova-Renate

Bisoli: “Abbiamo fatto una buona prestazione stasera. Evidentemente perdere ogni tanto fa bene. Abbiamo affrontato una squadra che gioca un gran bel calcio ma noi siamo stati più cattivi e affamati sui contrasti e questo ha fatto la differenza. I  calci piazzati hanno fatto la differenza, abbiamo sbagliato molto meno rispetto alle ultime uscite e anche davanti finalmente abbiamo costruito molto di più. Guidone è tornato ad essere quello di inizio stagione, ma tutta la squadra ha fatto quello che gli ho chiesto. Siamo anche stati bravi a soffrire un po’, il sacrificio corale che si è visto stasera mi è piaciuto ed è quello che permette di andare lontano. Siamo stati propositivi, più delle ultime gare e si è decisamente visto sotto tutti gli aspetti: aggressività, seconde palle e cattiveria. Ho visto la squadra che ha fatto quello che gli ho chiesto in settimana e per me è una grande soddsfazione. Il coro finale? Mi fa piacere più dei contratti milionari, vuol dire che i tifosi hanno capito quando tengo a portare in alto il Padova. La classifica? Non siamo una squadra che può gestire, dobbiamo pigiare continuamente l’accelleratore e cercare di schiacciare l’avversario. Il campionato è equilibrato, basta vedere i risultati di ogni giornata, a Fano non sarà per niente facile, dobbiamo cominciare a vincere anche le gare sporche. Non dobbiamo perdere la concentrazione, andiamo sempre in campo per vincere con tutte le forze, se poi viene un pareggio lo accettiamo ma l’importante è crederci sempre e non mollare mai un centimetro. Candidi ha preso una botta spero niente di grave. La candidata per darci fastidio? Samb e Feralpi mi viene da dire, le rispetto, ma io non ho paura degli altri ma della mia squadra. Non voglio cali di tensione”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy