Sala stampa Padova-Sudtirol, Brevi: “Ottima gara, giusto atteggiamento”. Emerson: “Dedico il gol alla Chapecoense”

Sala stampa Padova-Sudtirol, Brevi: “Ottima gara, giusto atteggiamento”. Emerson: “Dedico il gol alla Chapecoense”

Commenta per primo!

A breve in diretta dalla sala stampa dell’Euganeo le dichiarazioni dei protagonisti nel post partita di Padova-Sudtirol.

Brevi: “Partita simile a quella di Ancona sul piano dell’atteggiamento di squadra. Abbiamo fatto un’ottima gara, ad eccezione dell’occasione del palo del Sudtirol. I ragazzi hanno cercato di muovere la palla velocemente e sono stati aggressivi, oltre che abili a sfruttare le palle da fermo. Non ho mai avuto l’impressione che il Sudtirol potesse pareggiare. Lo sfogo in allenamento? In settimana mi ero arrabbiato perché, pur allenandoci bene, ad Ancona avevamo buttato via dei punti preziosi. A giudicare dalla gara odierna, direi che la reazione c’è stata, come sempre. Oltretutto, siamo in attesa di recuperare al massimo alcuni elementi che sono reduci dagli infortuni e non sono ancora nella migliore condizione. Un bilancio? Prima della sosta mancano tre gare, non è ancora il tempo di farne. Pensiamo partita per partita. Il mercato? Faremo delle valutazioni, al pari delle altre squadre. Per il momento sono molto soddisfatto della rosa che ho a disposizione, anche se devo dire che in molte circostanze abbiamo pagato i lunghi infortuni. Magari ci saranno giocatori che chiederanno di andare a giocare di più, ma in generale tutti i movimenti dipenderanno da ciò che vediamo in campo di settimana in settimana”.

Emerson: “Il gol? Contento per la vittoria innanzitutto, proviamo spesso i calci piazzati in allenamento e oggi è andata bene. Oggi era importante prenderci i tre punti che ad Ancona ci eravamo lasciati sfuggire. Abbiamo cominciato bene da inizio gara, l’atteggiamento è stata giusto per 90 minuti e credo che alla fine sia stato meritato. Siamo una squadra che ha dei giocatori veramente importanti, bravi a battere i calci piazzati e anche a capire la traiettoria del pallone dove può finire prima degli altri, per questo sono contento anche per il gol di Cristian. Bene anche la difesa oggi, abbiamo rischiato poco e non abbiamo concesso gol che ultimamente non capitava spesso. La dedica? Alla mia famiglia, alla figlia di Neto, Bianca, che nascerà a febbraio e ai ragazzi che erano su quel tragico volo della Chapecoense, erano persone normali come noi, ci ho giocato contro perché è una squadra della regione in cui sono cresciuto. Sono sicuro ci accompagneranno da lassù in tutti i giorni della nostra vita”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy