Salernitana-Padova, le pagelle. Si salva solo Ravanelli, persi tutti i duelli a centrocampo

Salernitana-Padova, le pagelle. Si salva solo Ravanelli, persi tutti i duelli a centrocampo

di Redazione PadovaSport.TV

Merelli 5,5: Parte distratto con un paio di rinvii sbagliati, tanto da prendersi subito i rimproveri di Bisoli. Altri pasticci durante la gara, come il malinteso con Contessa che regala un angolo e i tre gol subiti (dove non ha però colpe evidenti). Risolleva il voto una parata importante su contropiede della Salernitana.

Ravanelli 6: Osservato speciale dopo i due gol segnati nei derby, all’Arechi appare meno brillante ma comunque efficace in alcune chiusure difensive.

Capelli 5,5: Meno cattiveria del solito, approccio più light alla partita.

Trevisan 5,5: Non ha colpe specifiche sui gol subiti, ma cala vistostamente nella ripresa.

Salviato 5: Nel primo tempo Bisoli gli chiede di spingere di più, cosa che non farà mai nel corso della partita. Ma risulta “mollo” anche in fase difensiva: anticipato da Casasola sul secondo gol e da Anderson nel terzo. Mezzo voto in più per la traversa colpita su punizione, occasione più limpida della partita per il Padova.

Cappelletti 5: Ritmi bassi rispetto a quelli visti con Verona e Venezia. Si perde sullo “strappo” di Jallow nel primo assist.

Pulzetti 5: Subisce tantissimo i due dirimpettai avversari, cala ancora di intensità nella ripresa.

Contessa 5: Poco attento in entrambe le fasi, partita da dimenticare che rispecchia la prova del collettivo.

(1′ st Zambataro) 5: Soffre l’ingresso di Jallow che lo manda in tilt.

Clemenza 5,5: Spenta la sua luce è ancora più faticoso trovare spunti. Qualche giocata interessante, una punizione conquistata dal limite. Bisoli gli concede un po’ di riposo sul 3-0.

(31′ st Guidone) sv

Capello 5: Giornata da dimenticare, non riceve palle interessanti, non riesce a farsi trovare dai caompagni.

(1′ st Marcandella) 5,5: Entra per dare vigore all’attacco, ma, a parte un angolo, non combina nulla di rilevante.

Bonazzoli 5: Poca intensità, l’unico tiro verso la porta è completamente fuori misura. Poi una conclusione sull’esterno che fa arrabbiare Bisoli (che chiedeva il passaggio al centro) e un tiro “murato” dalla difesa. Questo il Bonazzoli di oggi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy