Spezia-Padova, le probabili formazioni. Bisoli con la difesa a quattro, rebus davanti

Spezia-Padova, le probabili formazioni. Bisoli con la difesa a quattro, rebus davanti

di Gianmarco Zandonà

I tifosi biancoscudati si ricorderanno bene l’ultima trasferta allo stadio Picco, quel 2 a 2 amaro di inizio aprile , in cui venne sciupato un doppio vantaggio subendo il pari al novantesimo. Era il 2014, l’annata infelice della retrocessione. La situazione attuale è la stessa, con il Padova invischiato nella lotta per la salvezza e lo Spezia nella corsa ai playoff. Ma la squadra di Bisoli non può permettersi alcun passo falso nella gara di domani pomeriggio, alle ore 18, altrimenti si potrebbe allontanare anche l’obiettivo dichiarato dei playout. E’ una sfida che va giocata per vincere, nel pieno degli infortuni e del momento complicato che può vessare una compagine a lungo tempo sul fondo della classifica. Il Padova, fanalino di coda con sole tre vittorie in campionato, contro uno Spezia quasi imbattibile in casa, dovrà cercare una vera impresa nel fortino bianconero.

QUI SPEZIA- Gli aquilotti vogliono rialzarsi dopo la sconfitta contro il Pescara e restare in zona playoff. L’allenatore Marino è orientato a utilizzare la disposizione tattica abituale anche se deve fare i conti con qualche defezione: Capradossi, Crimi, Acampora, Mastinu, Gyasi e Bidaoui per infortunio, Da Cruz per squalifica. Per i liguri bianconeri scelte forzate in attacco, un reparto che nel 2019  si piazza come secondo della categoria (14 reti) alle spalle del Brescia capolista. Molto dipenderà dalla condizione di Okereke, non al meglio: in caso di forfait ci sarà il cambio di modulo o l’utilizzo di D’Eramo, in rampa di lancio e punto di riferimento delle giovanili. In mezzo al campo probabile titolarità per l’ex Citta Bartolomei in vantaggio su Maggiore.

Probabile formazione (4-3-3): Lamanna; De Col, Terzi, Ligi, Augello; Bartolomei, Ricci, Mora; Okereke, Galabinov, Pierini. A disposizione: Manfredini, Barone, Brero, Erlic, Crivello, Vignali, Maggiore, Figoli, De Francesco, D’Eramo, Morachioli.

 

QUI PADOVA- Nuovo silenzio stampa per i patavini, per preparare al meglio questa trasferta delicata. Mister Bisoli deve fare i conti con due assenze pesanti nel pacchetto difensivo, Trevisan e Cherubin, oltre all’indisponibilità del capitano Pulzetti. Il cambio principale rispetto alle ultime uscite dovrebbe essere il passaggio alla difesa a quattro, con la coppia centrale formata da Andelkovic e l’ex Ceccaroni (in vantaggio su Capelli). I dubbi stanno dal centrocampo in su, con Cappelletti confermatissimo in mediana a contrastare la qualità della regia avversaria. Il modulo sarà camaleontico in funzione della partita, 4-3-2-1 o 4-2-3-1. E’ probabile l’utilizzo di Bonazzoli e Baraye leggermente arretrati alle spalle della punta Mbakogu ma  non è da sottovalutare la scelta a sorpresa di Capello / Marcandella: mancano e servono più che mai i gol degli attaccanti per strappare la salvezza. Notizia positiva: Ravanelli rientra tra i convocati e può essere un’opzione a gara in corso.

 

Probabile formazione (4-3-2-1): Minelli; Morganella, Andelkovic, Ceccaroni, Longhi; Lollo, Calvano, Cappelletti; Bonazzoli, Baraye; Mbakogu. A disposizione:  Favaro, Merelli, Capelli, Madonna, Ravanelli,  Mazzocco,Serena, Capello, Clemenza, Cocco, Marcandella.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy