Teramo-Padova, le pagelle: Bindi concede il tris, bene Madonna e Dettori, attacco volenteroso ma sterile

Teramo-Padova, le pagelle: Bindi concede il tris, bene Madonna e Dettori, attacco volenteroso ma sterile

Commenta per primo!

Bindi 7: E’ autore di tre grandi parate salva-partita: la prima al 35’ su Sansovini, le altre nella ripresa su Croce e Scipioni. Che sicurezza.

Cappelletti 6: Sempre sul pezzo, concede poco e offre solidità al pacchetto arretrato. A differenza delle scorse partite, però, non si fa mai notare in proiezione offensiva su palla ferma.

Emerson 6: Contiene con successo sia Sansovini che Croce, dirigendo il reparto con autorità. Non incide su punizione.

Russo 6: Bada più alla sostanza che all’estetica, riuscendo comunque a cavarsela in ogni situazione. Operazione non certo agevole, alle prese con gli abili attaccanti abruzzesi.

Madonna 6,5: Flusso continuo sulla destra, scende sempre puntuale alla ricerca della profondità. Ottima precisione di traversoni e suggerimenti vari, così come l’occupazione degli spazi di fronte agli attacchi teramani.

Mandorlini 6: Meno vivace rispetto a Dettori, l’altra mezzala biancoscudata, si rende protagonista di una prestazione onesta e ordinata, volta innanzitutto a non commettere errori.

Filipe 6: E’ alla prima partita di ritorno dall’infortunio e si vede. Ritmi non alti da parte sua, ma ugualmente buona precisione in fase di impostazione e anche una discreta presenza in quella di interdizione.

(dal 69’ Mazzocco) 6: Entra e fa il suo, cercando anche il jolly da fuori area.

Dettori 6,5: La sua classica partita da trottolino instancabile in mezzo al campo fatta di intensità e di costante ricerca del suggerimento risolutore in direzione delle punte. Bene anche la fase di non possesso.

Favalli 6: In evidente ripresa rispetto alla gara contro il Mantova, macina la fascia sinistra con regolarità, arrivando più volte a sfornare cross insidiosi. Ma che errore sotto porta in avvio di gara…

Altinier 6: Ci prova, ci riprova, lotta non poco, ma va puntualmente a sbattere contro il muro abruzzese. Gli è mancato il guizzo vincente, quella “preveggenza” tipica del centravanti che tante volte gli ha permesso di trovare la gloria nelle aree avversarie.

(dal 69’ Germinale) 5,5: E’ un attaccante di peso, ma non riesce a farsi sentire in zona gol. E non è la prima volta nella sua esperienza biancoscudata.

Alfageme 6: Come nel caso di Altinier, la buona volontà non gli manca sicuramente. Non è infatti raro vederlo arretrare verso la sua metà campo per imbastire la manovra offensiva, pagando però più di qualcosa in termini di lucidità dalle parti dell’area avversaria. Si vede annullare un gol nella ripresa, ma è lui il primo a non protestare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy