Venezia-Padova, Serena e Sabatini “giocano” il derby in anticipo

Venezia-Padova, Serena e Sabatini “giocano” il derby in anticipo

Commenta per primo!

Michele Serena e Carlo Sabatini, protagonisti dell’ultimo derby tra Venezia e Padova (1 marzo 2009, 1-0 per i biancoscudati con gol di Varricchio) hanno giocato in anticipo il derby di lunedì, sulle colonne de La Nuova Venezia: “Ricordo poco di quel pomeriggio di 7 anni fa – racconta Serena – non ho invece dimenticato la vittoria dell’anno prima in rimonta con le reti di Veronese e Antenucci”. E Oscar Brevi, allenatore del Padova, era in campo con
la maglia del Venezia. “È una delle partite che ricordo con più piacere – ha replicato Sabatini – c’era molto nervosismo, le due squadre stavano attraversando un brutto periodo, il Venezia era in lotta per i playout, il Padova lontano dai playoff. Fu una gara molto sofferta, per fortuna arrivò il gol di testa di Varricchio”. Il derby ritorno dopo sette anni: “Era ora, è una sfida affascinante – riprende Serena- ci sono sempre 3 punti in palio, ma non è mai stata una partita come le altre. E’ la partita che devi vincere e sono contento che lunedì ci sia finalmente la cornice di pubblico delle grandi occasioni”. Aggiunge Sabatini: “Ci sarà un’atmosfera fantastica, l’ultimo derby si giocò senza i tifosi del Padova, lunedì sarà derby anche in curva. Sarà bellissimo rivedere il Penzo pieno».
Sull’attualità: “Arrivano entrambe lanciate – sono le parole di Serena – il Venezia è capolista solitario, il Padova arriva dalla vittoria esaltante di Parma e da una serie di successi. Sono due squadre molto compatte, non credo che si scopriranno all’inizio, poi basterà un episodio per cambiare il corso del match. In ogni caso, qualunque sia il risultato, non sarà decisivo per la promozione. I campionati si vincono in primavera, il gruppone rimarrà così ancora a lungo, anche se il Venezia ha qualcosa in più, a livello di qualità e di lunghezza della rosa, delle avversarie”. Sabatini: “Un derby sfugge a qualsiasi logica, ogni risultato è possibile. Il Venezia è temibilissimo nei calci da fermo, ha fatto tanti gol sulle palle inattive, segno di un grandissimo lavoro durante la settimana, è un pregio che ti può portare lontano. Il Padova ha un grande attacco, può far male quando meno te l’aspetti”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy