Sambenedettese-Padova, le pagelle: vittoria pesante, la copertina è tutta per Cappelletti

Sambenedettese-Padova, le pagelle: vittoria pesante, la copertina è tutta per Cappelletti

di Alessandro Vinci

Bindi 6: Prima rischia di combinarla grossa, regalando palla a Miracoli nel cuore dell’area di rigore, poi si riscatta ampiamente risultando decisivo in almeno tre differenti occasioni. Bene anche le uscite alte.

Madonna 6,5: Nel primo tempo si inserisce prontamente nei diversi spazi utili che gli vengono concessi, facendosi più volte notare dalle parti dell’area avversaria. Nella ripresa è invece chiamato a sobbarcarsi un maggior carico di lavoro arretrato, riuscendo comunque a limitare il temibile Esposito.

Cappelletti 7,5: Per distacco il migliore in campo, anche a prescindere dal pesantissimo gol con cui decide la partita. Pomeriggio da incorniciare per il difensore canturino, nei doppi panni di match winner e di diga invalicabile di fronte ai pali di Bindi. Per informazioni, chiedere all’annichilito Miracoli.

Trevisan 6,5: Meno in evidenza rispetto a Cappelletti, ma comunque efficace negli interventi che lo vedono protagonista. Una sola sbavatura nel corso della ripresa, poi fortunatamente non sfruttata da Valente.

Contessa 6,5: Sacrifica la consueta spinta offensiva per dedicarsi maggiormente alla fase arretrata, non concedendo ossigeno né a Di Massimo né a Troianiello. Ciononostante, riesce comunque a mettere la sua firma sul gol di Cappelletti: l’assist vincente parte dal suo delicato piede sinistro.

Mandorlini 6: Non sempre pulito nelle giocate, dà comunque il suo contributo in entrambe le fasi. Nella ripresa va però progressivamente in difficoltà, per cui Bisoli lo sostituisce con De Risio per offrire maggior solidità alla linea mediana.

(dal 66’ De Risio 6): Si posiziona sul centro-destra e cerca di chiudere quanti più spazi possibili nell’ultimo quarto di gara.

Pinzi 6,5: Non risulterà appariscente, ma fa la partita che doveva fare: solido in fase di interdizione – anche a costo di qualche rudezza – e quando possibile propositivo nella trequarti avversaria. Suo il suggerimento per il gol annullato a Belingheri.

Pulzetti 6,5: Inaugura la sua gara sfiorando il gol di testa al 9’, poi la prosegue correndo incessantemente su e giù per il campo per strappare palloni utili agli avversari. Lo chiamavano intensità.

(dal 92’ Serena s.v.)

Belingheri 6: Si mette di buzzo buono, cerca la giocata tra le linee, ma non riesce a illuminare la manovra offensiva. Un suo tentativo aereo verso i pali di casa viene agevolmente neutralizzato da Aridità.

(dal 56’ Candido 6): Molto movimento ma pochi palloni toccati.

Capello 6,5: Trasuda voglia di mettersi in mostra, dunque cerca per tre volte la via della rete già nel corso del primo quarto di gara. Mina vagante per i difensori rossoblu.

(dal 56’ Chinellato 5,5): Entra per fornire maggior peso specifico all’attacco biancoscudato, ma nei fatti in campo lo si vede troppo poco.

Guidone 6,5: Si sacrifica con profitto per la squadra, spesso allontanandosi dalla porta avversaria per offrire sponde utili ai compagni meglio piazzati. Accade così che gli capiti un solo pallone giocabile in area: quello che si stampa sulla traversa in avvio di ripresa. Incassa i complimenti di Bisoli nel postpartita.

(dal 92’ Russo s.v.)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy