Padova, due settimane cruciali per il futuro

Padova, due settimane cruciali per il futuro

di Redazione PadovaSport.TV

In campo e fuori, le prossime due settimane prevedono appuntamenti cruciali per la stagione del Padova. Queste le tappe più importanti.

27 FEBBRAIO. Oggi è il giorno del terzo sopralluogo all’Euganeo per capire le cause del blackout del 3 dicembre nella partita poi vinta 1-0 con il Torino ma oggetto di ricorso da parte dei granata. A svolgerlo sarà il perito elettromeccanico scelto dalla procura federale. Dall’esito del sopralluogo e da quanto riportato nel verbale che verrà redatto, dipenderà il verdetto del giudice sportivo che arriverà non prima della prossima settimana e che a sua volta potrà essere oggetto di appello alla corte di giustizia federale. Sempre in giornata la società inoltrerà il ricorso contro la multa di 10 mila euro per il comportamento di discriminazione razziale del pubblico nei confronti del brasiliano dell’Empoli Zè Eduardo. Come noto, il Padova contesta il carattere antirazziale, segnalato dall’arbitro e non dall’ispettore di Lega, del comportamento tenuto dai tifosi.

28 FEBBRAIO. L’assemblea dei soci approverà il bilancio consuntivo relativo all’anno solare 2011. Come in passato, i numeri registreranno un disavanzo di notevoli dimensioni che il presidente Cestaro, in possesso dell’80 per cento del pacchetto azionario del Padova, dovrà in gran parte ripianare con fondi propri. Per questo motivo l’appuntamento sarà un’occasione importante per definire le strategie future, sicuramente finalizzate a un ridimensionamento degli investimenti; in tale ottica vanno visti il recente arrivo di Luca Baraldi, consulente del presidente, e una maggiore presenza della famiglia Cestaro nelle attività societarie.

29 FEBBRAIO. Slittata l’audizione di Gervasoni, con gli interrogatori di Carobbio, Doni e del suo amico e socio Benfenati da parte del procuratore federale Stefano Palazzi, si apre ufficialmente l’indagine sportiva relativa al secondo filone dello scandalo scommesse. Con l’ex capitano dell’Atalanta e con Benfenati si parlerà anche della sfida pareggiata dagli orobici con il Padova 1-1 il 26 marzo 2011 nel mirino degli inquirenti, che ritengono il pareggio combinato tra le due società. Fino al 15 marzo saranno 19 le persone ascoltate; nell’elenco, dei quattro giocatori del Padova indagati dalla Procura di Cremona (gli altri sono Bentivoglio, Italiano e Milanetto) figura solo Ruopolo.

3 MARZO. La parola al campo. Reduce da una sconfitta e due pareggi nelle ultime tre gare, il Padova ospita l’Albinoleffe. Da sfatare il tabù che vede la squadra faticare con le avversarie di bassa classifica.

6 MARZO. Padova impegnato alle 18.30 a Modena nella gara di recupero con gli emiliani non disputata l’11 febbraio per la neve.

7 MARZO. Francesco Ruopolo verrà sentito da Palazzi per lo scandalo scommesse. La punta è stata tirata in ballo da Gervasoni per tre partite dell’Albinoleffe, squadra in cui allora militava, con Salernitana, Frosinone e Pisa, oggetto di presunte combine nella stagione 2008-09.

10 MARZO. A Brescia ci sarà da fare i conti con il desiderio di “vendetta” di Alessandro Calori. La prima volta contro il Padova, a distanza di un anno dalla travagliata serata di Cittadella che gli è costata la panchina biancoscudata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy