Palazzi annuncia: “In arrivo i deferimenti”

Palazzi annuncia: “In arrivo i deferimenti”

Una sola frase, sibillina, uscendo dagli uffici della Procura Federale. Ma è bastata, questa frase di Stefano Palazzi, per accendere la giornata per chi segue il lavoro degli uffici di via Po: “I giocatori interrogati sono sereni? Noi parleremo con i deferimenti. Abbiamo programmato l’attività a tronconi. Ciò che è già stato definito, in base al materiale ricevuto dalla Procura di Cremona verrà chiuso al più presto. La scorsa estate abbiamo impiegato solo un mese e mezzo per i deferimenti dal momento in cui abbiamo ricevuto il materiale da Cremona: questa Procura lavora assiduamente”. A questo punto entro la fine del mese potrebbero esserci i primi deferimenti per i calciatori coinvolti nell’inchiesta della Procura di Cremona, poi sarà la volta di quelli dell’inchiesta di quelle di Bari e Napoli. Palazzi ha concluso andando via: “Sarà un periodo intenso, ma non siamo preoccupati perché la nostra Procura è attrezzata. Ringrazio i colleghi magistrati di Cremona, Bari e Napoli, con i quali sono sempre in contatto, per la collaborazione e soprattutto la comprensione dei tempi della giustizia sportiva”. Preannunciato un comunicato della Figc in merito.

A questo punto, con le audizioni che dovrebbero finire il 26 aprile (mancano altri 22 tesserati per concludere la prima tranche di interrogatori) se i deferimenti arriveranno entro i primi giorni del mese di maggio, è prevedibile che il primo processo sportivo partirà parallelamente alla fine del campionato di serie A. Oggi da Palazzi sono andato Alessandro Zamperini, che ha consegnato una memoria difensiva, e Vittorio Micolucci, che dopo aver parlato a lungo il giovedì, il venerdì ha continuato a parlare (l’ex dell’Ascoli è di fatto il primo pentito del calcioscommesse) dalle 11 del mattino per proseguire fino a pomeriggio inoltrato. I processi sportivi potrebbero essere due, se non tre. Saranno infatti presto acquisiti gli atti della Procura di Piacenza sull’inchiesta sui profitti dei procuratori sportivi. A luglio potrebbe così esserci un secondo processo sportivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy