Palermo-Padova, Lafferty è la stella

Palermo-Padova, Lafferty è la stella

Commenta per primo!

“Un guerriero che corre come un centrocampista, che lotta e si agita, uno che fa chilometri e gioca per la squadra. Kyle ha uno straordinario temperamento, bisogna dare i meriti a Perinetti e Zamparini che mi hanno ascoltato. Non è costato poco perché due milioni sono tanti, diventano pochi perché oggi il giocatore ha preso valore”. Sono le parole di Gennaro Gattuso ex allenatore del Palermo, che ha convinto in estate la società a puntare sul suo pupillo al Sion, il nord irlandese Kyle Lafferty. “Kyle sta dimostrando quello che pensavo. In A potrà completarsi – spiega Gattuso al Corriere dello Sport – E’ un combattente, dà tanto anche in allenamento, non molla mai, deve imparare a gestirsi. E’ sempre sopra le righe, arriva a fine partita sfatto perché fa una mole di lavoro imponente. Non uno alla Toni, ma nemmeno quello del Sion, con 5 gol, tra alti e bassi. Poteva dare di più. E’ ancora un ragazzino nella testa, deve maturare e migliorarsi, non dimentichiamo però che, l’anno scorso, dopo una partita con la Russia, Capello parlò a tre o quattro società di Lafferty che, in pratica, aveva giocato da solo contro la sua nazionale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy