Penocchio in tv: “Non sono tenuto a dire quanto investirò per il Padova. Ivo Rossi? Sono rimasto molto amareggiato. In futuro vorrei destinare alcune quote agli imprenditori padovani”

Penocchio in tv: “Non sono tenuto a dire quanto investirò per il Padova. Ivo Rossi? Sono rimasto molto amareggiato. In futuro vorrei destinare alcune quote agli imprenditori padovani”

Comparsata in tv per Diego Penocchio, a Biancoscudati Channel: il presidente del Padova, incalzato dalle domande degli ospiti in studio, ha affrontato diversi temi. Sugli investimenti nel Calcio Padova previsti dalla nuova proprietà, però, l’imprenditore bresciano ha glissato: “E’ una Spa, figuriamoci se vengo a dirvi quanto abbiamo intenzione di spendere – ha affermato in tono piccato Penocchio, che riceverà contributi dalla Lega e dallo sponsor Unicomm per circa 13 milioni in due anni – Sono arrivato a Padova perchè sono un grande appassionato di calcio e qui ci sono grandi tradizioni, il Cavalier Cestaro voleva vendere per motivi personali, e quanto mi è stata fatta la proposta, dopo essere stato scelto dall’advisor di Unicomm, Mediobanca, ho detto sì. Prima certi editorialisti si lamentavano che c’era bisogno di fare piazza pulita nella società del Padova, con i vari Sottovia, Potti, poi quando è stata fatta, mi si accusa di aver fatto troppo pulizia…”. Imbarazzato, Penocchio ha parlato anche del comunicato di Rossi: “Sono rimasto molto amareggiato – ha detto il presidente – non me l’aspettavo. Spero di sentirlo al più presto, non voglio creare maggior confusione o attrito di quello che già c’è”. Poi un’apertura agli imprenditori padovani: “Vorrei destinare alcune quote all’imprenditoria locale, appena le cose andranno un po’ meglio. E il mio sogno è quello di aprire una Fondazione a Padova, dove far convogliare dei fondi per il bene della città”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy