Pescara-Padova, le pagelle

Pescara-Padova, le pagelle

Commenta per primo!

Perin 6,5: Parata spettacolare su Immobile nel primo tempo (proprio dopo il miracolo del collega Anania su Cutolo), poi altri dettagli importanti che impreziosiscono la sua prestazione contro un avversario che, solitamente, fa tanta paura ai portieri

Legati 6: Scelta coraggiosa di Dal Canto che lo schiera ancora sull’out al cospetto di un attaccante velocissimo e tecnico come Insigne. Il risultato è che l’attaccante napoletano fa gol, è vero, bruciando Elia sul tempo. Ma il difensore biancoscudato si fa valere alla grande in fase offensiva, proponendosi di continuo in avanti. Deve aver sbagliato panchina: sembra quasi abbia ascoltato le indicazioni di Zeman, più che di Dal Canto.

Schiavi 6,5: Prova pulita del centrale, apparso nel finale un po’ nervoso. Tiene bene la posizione, dando una grossa mano anche al debuttante Franco con continue indicazioni.

Franco 6: Un po’ timoroso all’inizio, poi prende confidenza con il nuovo ruolo e con la serie B, visto che era la sua prima apparizione. Nel complesso una buona partita, non sfigura e premia la fiducia di Dal Canto che lo ha schierato in campo un po’ a sorpresa al posto di Osuji. Nella ripresa trova anche la sfrontatezza per un’incursione nell’area avversaria.

(Trevisan) 6,5: Gol fortunoso e casuale, ma il biondo difensore in ogni caso risulta decisivo nonostante la condizione non ottimale. Secondo gol in campionato. Una lieta sorpresa.

Renzetti 5,5: Spinge molto di più Legati dall’altra parte, il terzino mancino invece rimane un po’ nell’ombra salvo qualche scorribanda infruttuosa. Quel che pesa è l’azione di Gessa dalla sua parte che sfonda senza alcuna difficoltà servendo la palla vincente a Insigne.

Bovo 6: Esce a metà ripresa per un problema muscolare (si spera non sia uno strappo). Quando è in campo fa bene: aggressivo e propositivo.

(Osuji) s.v.

Italiano 6: Cerca spesso di far ripartire l’azione con i suoi lanci lunghi, forse con troppa foga. Prestazione comunque sufficiente.

Marcolini 5,5: Pesa l’errore di valutazione a inizio partita: un cross inutile invece della conclusione in porta che poteva portare il vantaggio. Per il resto il centrocampista ex Chievo si vede gran poco. Sempre in prima linea però nel placare gli animi ed evitare inutili ammonizioni ai compagni.

(Ruopolo) s.v.

Cutolo 6: Sfiora la rete nel primo tempo, negata solo dalla prontezza di riflessi di Anania. E’ ben controllato dalla difesa del Pescara e quasi mai riesce a saltare l’uomo. Nel gol finale di Trevisan, c’è comunque il suo zampino. 

Cacia 5,5: Si vede poco, ma è anche vero che viene servito con il contagocce. Era forse l’uomo più temuto dai pescaresi e si è visto.

Drame 5: Un’altra prestazione fumosa per il giovane attaccante, schierato per l’assenza di Lazarevic. Più utile in fase difensiva ma ancora lontano parente del furetto ammirato a inizio campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy