Sala stampa Altovicentino-Padova. Dalle Rive si commuove, Bonetto predica calma: “Rimaniamo primi noi”

Sala stampa Altovicentino-Padova. Dalle Rive si commuove, Bonetto predica calma: “Rimaniamo primi noi”

Le dichiarazioni del post-partita di Altovicentino-Padova. Sulla nostra pagina facebook le interviste video (clicca qui).

Parlato: Buttiamo giù un boccone amaro, accettiamo la sconfitta anche se abbiamo creato volume di gioco e almeno 3-4 palle gol importanti. Il loro portiere ha fatto un’ottima prestazione, loro sono stati cinici e ci hanno castigato nell’unica vera occasione. Sono un’ottima squadra, con il passare dei minuti hanno serrato le fila e hanno difeso il vantaggio. Rinunciato a Ilari e Cunico? Per le dinamiche degli under non era ideale mettere tanti giocatori fuori ruolo in una partita delicata come questa. Segato? L’ho sostituito per trovare soluzioni diverse dal 4-2-3-1 ma non vuol dire che stesse giocando male. Ferretti? Ha fatto una buona partita, normale essere nervosi in occasioni del genere.

Dalle Rive: Grande incasso? Sono contento più per la vittoria, è stata una bella partita e forse era giusto anche il pareggio. La mano di Zanin? Ha dato più serenità durante a settimana, anche se non ha avuto molto tempo. Il premio partita? 15000 euro alla squadra. Speravo davvero di riaprire il campionato, ma abbiamo vinto una battaglia e non la guerra. Loro rimangono una grande squadra. Io commosso a fine gara? Sono particolarmente sensibile…

Sentinelli: Questa sconfitta non compromette il campionato, c’è amarezza non per la sconfitta ma per come è maturata. Non meritavamo di perdere ma abbiamo subito gol nell’unico nostro errrore, ci dispiace non aver rimediato di fronte ai nostri tifosi. Oggi si è vista qual è la squadra più forte, speriamo di vincere alla fine del campionato. Arbitraggio? Ha iniziato troppo presto a distribuire gialli. La prestazioni comunque c’è stata, abbiamo giocato sempre nella loro metà campo e i 20 calci d’angolo lo dimostrano…

Roberto Bonetto: Contraccolpi psicologici? Non penso proprio, una sconfitta qui ci stava, ricordiamoci che siamo a più 2 per cui se il campionato finisse oggi vinceremmo noi. Petardi? Nota dolente, è difficile controllare duemila persone in trasferta, specie su campi come questi dove si è a ridosso del rettangolo verde. Peccato, in mezzo ci sono i soliti cretini. Ora speriamo nel recupero veloce di Petkovic e Zubin, che sicuramente potrà darci un contributo importante.

Peluso: Sapevamo che gli episodi avrebbero deciso la partita, è stato il mio un gol pesante contro una squadra fortissima. Continueremo a inseguire il Padova, questa squadra ha ancora molto da dare.

De Poli: Dispaice per la sconfitta di fronte a un pubblico straordinario, forse occorreva meno nervosismo, aldilà della sconfitta siamo contenti del girone di andata, meglio di così non si poteva fare.

Cunico: Una vittoria non avrebbe chiuso il campionato, ma è ovvio che sarebbe stato meglio essere a +5, se il girone di ritorno sarà come quello di andata finiremo davanti… C’è amarezza per la sconfitta ma questo è il calcio e non mi sento di rimproverare nulla ai miei compagni.

Bergamin: Hanno capitalizzato al massimo l’unico errore, non ho nulla da rimproverare nessuno, hanno dato tutti l’anima. Ora riprendiamo tranquilli, capitalizzando i due punti di vantaggio. Petardi? Sono preoccupati, credo che questa volta ci saranno delle conseguenze, spero non gravi.

Zanin: I ragazzi sono stati eccezionali, questa squadra ha dei valori. Avevamo preparato la gara così come è venuta fuori, ora il distacco è più accettabile ma sarà una lotta fino alla fine. 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy