Sala stampa Cittadella-Padova. Mutti: “Ingenuità  che non riesco a digerire”. Santacroce: “Bravo Coralli sull’azione del rigore”

Sala stampa Cittadella-Padova. Mutti: “Ingenuità  che non riesco a digerire”. Santacroce: “Bravo Coralli sull’azione del rigore”

Commenta per primo!

Segui live le dichiarazioni post partita dei protagonisti di Cittadella-Padova.

Abodi (presidente serie B): “Il Cittadella è un modello di società e di tifosi. È il terzo anno consecutivo che vengo qui a consegnare il Trofeo Scirea e la Coppa Disciplina, ma in un certo senso, ho il rammarico di venire sempre qui. Mi piacerebbe darlo ad altre squadre, ovviamente: vorrei che tutte le altre società e tifoserie prendessero ad esempio i granata, ma questa cosa fatica ad essere recepita da tutti. Vorrei che questi tipi di premi fossero consegnati in tutta Italia e non sempre e solo a Cittadella”.

Mutti: “Abbiamo commesso certe ingenuità che fai fatica a digerire. Certe situazioni sono lette male, anche da giocatori di esperienza. L’aspetto difensivo è fondamentale, dobbiamo ancora lavorare su questo. L’episodio del rigore ha deciso la partita, Santacroce nell’occasione è stato ingenuo. Ho riproposto il centrocampo a 5, con Modesto interno, abbiamo fatto qualcosa di buono, ma c’è mancata la personalità in certe occasioni. Squadra depressa? No, lo escludo, siamo ultimi ma ci manca anche la partita con il Carpi, non dimentichiamolo”.

Marchetti: “Sono contento per la classifica, derby deciso da episodio. Legittimata la vittoria, abbiamo lottato, grandi complimenti a tutti. Espulsione Di Roberto? Esagerata. Me ne sono andato per evitare di protestare. Padova? Difficile dare giudizi tecnici, gli episodi nel derby fanno la differenza”.

Santacroce: “È stato bravo Coralli nell’azione del rigore. Sconfitta? Si, potevamo e dovevamo non perdere. È stata una partita difficile, sopratutto dopo il rigore: il citta si è difeso bene. Ci è mancato quell’episodio favorevole. Stiamo cercando da inizio anno di risolvere questo problema. Ora siamo sicuramente in una situazione brutta e dobbiamo cercare assolutamente di fare punti per uscire da questo momento.”

Gabrielli: “Ora non dobbiamo montarci la testa. Il carattere e l’organizzazione in campo sono usciti bene. Oggi è stata più determinata la squadra rispetto alla sfida contro il Carpi. Dobbiamo avere tempo per valutare le nostre potenzialità: se abbiamo 13 punti è bene in ottica salvezza. Il derby? Si cerca di non caricarlo molto. Non voglio far passare inosservato però la Coppa Disciplina che abbiamo vinto oggi, e anche il trofeo Scirea”

Coralli: “Tanta gioia, ma iniziamo a pensare anche alla prossima sfida contro il Brescia. Ho visto un buon Padova. Ho sbagliato anche un gol, anche perchè dopo il rigore si sono aperti molti spazi. Il gol? È un sogno. L’importante è aver vinto il derby. Quando ho calciato ho sperato di segnare. Sono strafelice perchè questa partita la sentivo molto. Fisicamente non sono al top, non sono brillante. Ma sono sicuro che durante le partite migliorerò. 13 punti? Pensiamo di arrivare a 50 nel minor tempo possibile. Sognare poi è bello…cerchiamo di fare bene nel girone di andata.”

Sosa: “L’importante era vincere. Abbiamo vinto anche per i tifosi che ci avevano chiesto il risultato. I 13 punti? Cerchiamo di allungare questa striscia positiva perchè il nostro obiettivo è la salvezza.”

Foscarini: “È stata una vittoria meritata maturata con una prestazione tonica e convincente. Sono contento di aver trovato la riprova di una buona mentalità. Abbiamo sofferto come accade di solito. Coralli si è preso il rigore perché il rigore c’era, la trattenuta mi sembrava netta. Sono contento per lui: il suo peso si sente sia in campo che nello spogliatoio. Tutta la squadra è da elogiare, siamo partiti piano ma poi ci siamo sciolti. La difficoltà era non avere punti fermi: non sapevamo come avrebbe giocato il Padova visto che ci sono state molte novità. L’episodio dell’espulsione di Di Roberto? Non ho visto bene, quindi accettiamo il verdetto che per fortuna non ha condizionato il risultato. Coralli sa difendere la palla e scaricarla per mandare i compagni in profondità. I suoi compagni lo cercano e grazie a lui si sentono sicuri. La difesa? Non sono contento se il mio portiere è sempre il migliore in campo perché vuol dire che nella difesa c’è qualcosa che non funziona, ma stiamo migliorando. Donnarumma? Ha avuto probabilmente uno stiramento, in settimana aveva già avuto problemi al ginocchio. Dumitru deve ancora trovare le misure ma può diventare devastante.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy