Sala stampa Clodiense-Padova, coro unanime: “Grandissima vittoria, ma il campionato non è ancora finito”

Sala stampa Clodiense-Padova, coro unanime: “Grandissima vittoria, ma il campionato non è ancora finito”

Queste le dichiarazioni rilasciate nel postpartita dai protagonisti di Clodiense-Padova.

Parlato: “Un plauso ai ragazzi, che hanno dimostrato di stare sempre sul pezzo e di avere una grossa maturità tattica. Abbiamo battuto una squadra in ottima salute, era un ostacolo davvero grosso. Siamo riusciti a spingere sin dal 1′ con elementi di grande dinamicità come Dionisi e Busetto ed a sfruttare la finalizzazione di Ilari. Sono queste le caratteristiche per le quali ho fatto queste scelte. E siamo stati anche molto abili a limitare il loro possesso palla bloccando Casagrande, il fulcro del loro gioco. Quindi certo, tanta roba aver vinto, è stato un passo in più verso l’obiettivo, ma il campionato è ancora lungo. Nervosismo? Le partite sono maschie, in certi casi servono calma e lucidità. Il nervosismo non dovrebbe mai emergere, ma a volte  in campo non è semplice. Complimenti anche ai nostri tifosi, che ci hanno come al solito seguito e sostenuto in moltissimi. Colgo l’occasione per fare loro gli auguri di buona Pasqua”.

Giuseppe Bergamin: “Un nuovo passetto verso la promozione, ora pensiamo già alla Sacilese. Abbiamo ottenuto ciò che volevamo contro un avversario ostico che ha lottato fino alla fine. Nel secondo tempo abbiamo dovuto gestire il vantaggio ed è stata partita vera. Nervosismo? A volte è difficile da controllare, ma in ogni caso non ho visto falli gravi. L’espulsione non l’ho proprio capita”.

De Poli: “I ragazzi sono stati veramente encomiabili oggi. Vincere a Chioggia in inferiorità numerica non era per nulla semplice. Traguardo vicino? Manco par gnente. Andiamo avanti sulla nostra strada gara dopo gara. Oggi abbiamo avuto la meglio su una squadra giovane e determinata, poi da martedì penseremo alla Sacilese”.

Edoardo Bonetto: “Ho visto un grande Padova, senza dubbio superiore all’avversario. Nel primo tempo ci siamo davvero divertiti, sfiorando più volte il gol anche sullo 0-0, mentre nel secondo abbiamo più pensato a gestire il vantaggio. L’espulsione di Niccolini? Le solite scaramucce. Il giocatore avversario ha probabilmente accentuato la caduta, ma in ogni caso un giocatore d’esperienza come Niccolini non dovrebbe cadere in questi tranelli. L’Altovicentino? Non perdiamo la concentrazione guardando in casa d’altri…”.

Ilari: “E’ stata una gara difficile e a tratti confusionaria. Abbiamo dimostrato di essere un gruppo maturo, rispondendo presente nei momenti cruciali. Il mio gol? E’ venuto bene dai, era importante cercare di chiudere subito la partita. E’ sempre un piacere vedere le facce dei tifosi festanti dopo un tuo gol. La classifica? Finché non ci sarà la matematica, continuiamo a pedalare”.

Sentinelli: “L’espulsione di Niccolini? Il guardalinee ha segnalato all’arbitro di aver visto una mia manata ai danni di Santi, ma io fino a pochi istanti prima ero a centrocampo a parlare proprio con il direttore di gara. Incredibile abbia inizialmente tirato fuori il rosso nei miei confronti. Nel secondo tempo la partita gli è proprio sfuggita di mano… Ho visto un Padova forte che ha giocato a viso aperto contro una squadra in ottima forma. Ma in ottima forma siamo anche noi, sono veramente contento. Speravamo di fare un buon filotto di risultati e così è stato. Ma ora è tempo di riposare un po’”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy