Sala stampa Padova-Empoli, Serena: “Ho fatto i complimenti ai miei ragazzi. Abbiamo incontrato un avversario più forte”

Sala stampa Padova-Empoli, Serena: “Ho fatto i complimenti ai miei ragazzi. Abbiamo incontrato un avversario più forte”

Commenta per primo!

Le dichiarazioni in tempo reale dalla dalla stampa, nel post Padova-Empoli.

Nocchi: dispiace aver perso, anche perchè nel secondo tempo abbiamo creato molto e potevamo portare a casa il pareggio. Nella prima frazione siamo scesi in campo impauriti, ma nel secondo tempo avevamo la testa giusta. Le mie parate? Sull’ occasione del gol ribattere in uscita bassa era l’ unica cosa che potevo fare. Purtroppo sulla ribattuta è arrivato Maccarone ma se non la toccavo segnavano lo stesso. Le due parate più difficili sono state quella su Tavano nel primo tempo e quella su Maccarone nel secondo tempo. Io ho fatto il massimo oggi, sarà poi il mister a decidere chi far giocare. Dobbiamo assolutamente risalire. L’ unico modo per farlo è scendere in campo con la cattiveria giusta. 

Serena: ho fatto i complimenti ai ragazzi. È stata una doppia partita e non per demerito del Padova nel primo tempo. Nel secondo tempo dovevo raddrizzare la gara e ho deciso di occupare meglio l’ampiezza e di sfruttare la gamba di Improta. L’intensità e la voglia di portare a casa un punto sono state encomiabili. La Camera ha preso una botta e sono stato costretto a fare un cambio. Moretti l’ho visto discretamente in settimana, volevo un briciolo di qualità in più. Come alternativa c’era Cuffa ma ero più convinto da Moretti.

Non abbiamo regalato il primo tempo: eravamo in difficoltà e l’intento usciva sul terzino troppo presto e quindi loro guadagnavano spazi. Dovevamo essere bravi a temporeggiare e chiuderci meglio. La differenza tra Novara e Empoli è chiara. L’Empoli è migliore del Padova e i tre punti vanno ricercati con altre squadre. Melchiorri per tre settimane ha avuto l’influenza per questo non ha giocato titolare. I portieri? Sono entrambi ottimi. Nocchi ha fatto ampiamente il suo dovere e la consapevolezza della qualità di entrambi è importante. Ci penserò, però ho già un’idea. Rocchi ha avuto tre occasioni per far gol, ho preferito non sostituirlo. Sono molto soddisfatto del primo tempo anche se sono rammaricato perché abbiamo fatto un’ottima prestazione contro una grande squadra. Kelic l’ho visto bene considerando che è nuovo non sa la lingua e ha dovuto lottare contro una coppia di attaccanti tra le migliori del campionato.

Iori l’ho tolto perché l’ho visto un po’ in difficoltà fisica. Dopo un mese e mezzo fuori può aver pagato una condizione non ottimale ma gode della mia totale fiducia. Almici? Ieri aveva la febbre.

Sarri: abbiamo sbagliato dopo i primi 60 minuti perché dovevamo chiuderla e non ci siamo riusciti. Rischiavamo di tornare a recriminare per un pareggio. Sapevamo che avremmo trovato una squadra in crescita sia dal punto di vista fisico che mentale. Sapevo che la squadra e l’ambiente erano in crescita di entusiasmo e penso che ora affrontare il Padova non sarà facile per nessuno. Il vero miracolo Nocchi l’ha fatto su Tavano più che su Maccarone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy