Vantaggiato prova a stringere i denti, Mutti pensa al tridente

Vantaggiato prova a stringere i denti, Mutti pensa al tridente

Commenta per primo!

Il Padova a Cesena potrebbe cambiare nuovamente pelle. Bortolo Mutti, dopo aver recuperato tutti i suoi uomini a centrocampo, ieri ha provato il 4-3-3. Un ritorno al passato, per una squadra impostata in estate proprio su questo modulo, una novità per il tecnico bergamasco, che finora aveva alternato al 4-4-2 soltanto la difesa a 3. In sostanza non ci sarà comunque un grosso stravolgimento né dal punto di vista degli uomini né del modo di stare in campo. Al posto di un’ala ci sarà un mediano di spinta come Osuji, che nel primo tempo della partitella a tutto campo di ieri, disputata sul sintetico di Montegalda, ha agito sul centro-sinistra, con Iori regista e Cuffa sul lato opposto. La difesa, con il recupero di Santacroce, dovrebbe tornare quella classica, con l’italo-brasiliano a destra, Lazcko a sinistra e Benedetti-Carini coppia centrale. In attacco Pasquato è stato provato come ala sinistra, con Jelenic dall’altra parte e Vantaggiato centravanti. Proprio le condizioni del “torello” rappresentano la novità più confortante in vista di venerdì. Lunedì aveva abbandonato l’allenamento dopo pochi minuti per il dolore alla schiena che lo tormenta dalla vigilia della sfida con il Crotone. Ieri, invece, ha disputato tutta la seduta, mostrando una buona condizione e senza lasciare intravvedere segni di sofferenza. La sua resta comunque una situazione da monitorare e un quadro più preciso lo si potrà avere già oggi, quando si sottoporrà ad una specifica risonanza magnetica. Nella ripresa di una partitella in cui i biancoscudati hanno palesato ancora i propri problemi offensivi (solo due gol con Pasquato su punizione e Melchiorri), Mutti ha sperimentato anche un 4-2-3-1. Pienamente ristabilito Perna, mentre Trevisan lavora ancora a parte e Modesto tornerà venerdì da Cosenza, riaggregandosi al gruppo la prossima settimana. Lavoro in palestra anche per Rocchi, al quale è stato applicato un tutore di silicone al dito del piede destro fratturato. Nei prossimi giorni il centravanti proverà a tornare in campo per vedere se con il tutore riuscirà a correre e a calciare senza problemi. Se il test dovesse andare a buon fine, potrebbe anche accelerare il rientro e provare ad essere disponibile già per la sfida casalinga con la Ternana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy