Vicenza-Padova, le pagelle. Che centrocampo! Succi torna decisivo. Hallenius, sospetto stiramento

Vicenza-Padova, le pagelle. Che centrocampo! Succi torna decisivo. Hallenius, sospetto stiramento

Perin 6,5: Quando la serata sembra avviarsi verso un tranquillo epilogo, ecco la parata d’istinto che salva la partita. Gavazzi prova a sorprenderlo con una gran botta, il giovane portiere biancoscudato si allunga e devia. Onestamente, è uno spreco tenerlo in panchina.

Donati 6: Ordinaria amministrazione lì a destra, dove fa buona guardia su Bianco. Nessun acuto ma, palla al piede, è sempre attento.

Legati 6,5: Ottima intesa con Trevisan, il tandem d’attacco vicentino non sfonda praticamente mai. Unica conclusione, quel tiro di Gavazzi su cui rimedia Perin, nient’altro.

Trevisan 6,5: Attento e puntuale nel chiudere gli spazi, annulla praticamente ogni velleità sotto porta di Maiorino e Abbruscato. Ammonito, salterà Crotone.

Renzetti 6: Soffre un po’ il dinamismo di Gavazzi, che spinge come un ossesso ed è l’ultimo ad alzare bandiera bianca.

Bovo 6,5: Si fa in quattro districandosi a meraviglia nel folto centrocampo vicentino e recuperando tantissimi palloni. In certe partite, come questa, capisci perchè Dal Canto non riesce a fare a meno di lui.

Bentivoglio 7: Continuiamo a pensare che sia perfetto da play-basso, meglio di Italiano e di Milanetto. Gioca con eleganza, distribuendo palloni con una precisione chirurgica e non sprecando mai niente. Applausi per lui.

Cuffa 6,5: Difende la regia di Bentivoglio, si allarga sul centro-sinistra per bloccare il gioco sulle fasce degli avversari, non tira mai indietro la gamba. Anche lui, indispensabile.

Marcolini 6: Un po’ meno brillante del solito, lento in alcune circostanze e spesso anticipato: alla fine di buono c’è il tiro senza pretese respinto da Giani sui cui poi si avventa come un falco Succi nella rete del vantaggio.

(16’st Drame) 6: Il Vicenza prova a schiacciare il Padova nella propria metà campo, Dal Canto risponde con la carta del giovane franco-maliano che dà immediatamente i suoi frutti. Prova anche la conclusione in porta, ma pecca di potenza. In ogni caso buoni segnali dal baby-talento.

Succi 7: Rompe un tabù lungo 54 anni che permette al Padova di espugnare il Menti, il Cigno torna così ad essere decisivo, come ai bei tempi prima dell’infortunio. Conclude in rapidità e potenza sulla respinta di Giani, gelando il portiere Frison e l’intero stadio. Fatta eccezione per i padovani presenti, che non vedevano l’ora di applaudirlo di nuovo. Inevitabile cambio alla mezz’ora per stanchezza.

(28’st Hallenius) 6: Entra e fa l’attaccante esterno, gioca pochi minuti ma fa la sua parte. S’infortunia nel finale, sospetto stiramento.

Ruopolo 6,5: Lavoro di sacrificio ma che porta buoni risultati. Rimane in campo fino all’ultimo, lottando su ogni pallone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy